Il leader dell’Udc: “c’è intesa sulle cose da fare. Se Renzi vincesse le primarie allora il partito si spaccherebbe…”

Pier Ferdinando Casini

Le primarie potrebbero spaccare il Partito democratico e, a dispetto delle affinità con Matteo Renzi, Pier Ferdinando Casini fa il tifo per Bersani. E’ lo stesso leader dell’Udc a confidarlo in un colloquio con La Stampa. “Lei lo vede D’Alema che va alle elezioni nel partito di Matteo Renzi? Se vince Renzi è il caos”, afferma Casini. “Anzi: un big bang, come direbbe Matteo. Potrebbe succedere di tutto. A cominciare, naturalmente, dall’inevitabile spaccatura del Pd”.

“Io con Renzi – precisa il leader centrista – ho un ottimo rapporto, intendiamoci: ci sentiamo spesso, ci mandiamo messaggini e come è evidente ho con lui, per origini e formazione, perfino più punti di contatto di quanti ne abbia con Bersani. Ma ho un rapporto solido anche con Pier Luigi ed è con lui, soprattutto, che ho un percorso comune, un patto, intorno alle cose da fare”.

Secondo Casini, comunque, con una vittoria di Renzi alle primarie “rischiamo grosso. Fa ridere immaginare che al prossimo vertice con la Merkel l’Italia non mandi Monti ma Renzi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti