I campioni trascinati da Lichtsteiner e Pirlo: ancora roventi polemiche per un rigore ed un gol fantasma

Andrea Pirlo

La Juve debutta in campionato superando 2-0 il Parma con gol di Lichtsteiner e Pirlo. Subito polemiche, però.

Gli ospiti sono furiosi per la concessione di un rigore poi sbagliato da Vidal (Lichtsteiner era in fuorigico quando è stato atterrato) e per la rete del raddoppio, quando l’arbitro di porta Ciampi vede il pallone calciato da Pirlo superare la linea. Una decisione non condivisa dalla panchina gialloblù.

Polemiche a parte, la Juve incamera i primi tre punti, in attesa di vedere l’esordio in campionato delle sue concorrenti.

Un fortissimo temporale si abbatte sullo Juventus Stadium poco prima del fischio d’inizio. Per qualche minuto si teme per il regolare svolgimento del match, poi la pioggia smette di cadere e, nonostante un terreno di gioco pesante, l’arbitro Romeo può fischiare il calcio d’inizio.

Nel primo quarto d’ora la Juve fatica a rendersi pericolosa, mentre il Parma prova a sfruttare la velocità dei due attaccanti in contropiede. I tifosi di casa allora si scaldano con le vicende extra campo: cori di sostegno per Conte, insulti per Palazzi. Il primo brivido arriva al 18′: punizione di Pirlo, Vucinic svetta di testa e manda di poco alto. Non succede nulla fino al 34′: l’arbitro Romeo (su segnalazione dell’arbitro di porta) assegna un rigore alla Juve per fallo del portiere Mirante su Lichtsteiner. L’intervento è irregolare, ma il terzino è in evidente posizione di fuorigioco. Sul dischetto va Vidal, Mirante è bravissimo nel respingere. Si rimane sullo 0-0, risultato che accompagna le squadre anche negli spogliatoi.

La ripresa inizia con le stesse formazioni del primo tempo. Al 50′ Juve vicina al gol. Dalla sinistra Asamoah mette un pallone velenoso al centro, la palla attraversa tutta l’area piccola, sul secondo palo arriva Vidal che colpisce in scivolata: fuori di pochissimo. I bianconeri ora sono più determinati. Vucinic ha sul destro l’occasione giusta per passare in vantaggio, ma il suo diagonale viene deviato da Mirante. Il gol è nell’aria e arriva puntuale al 54′. Ancora Asamoah, incontenibile sulla sinistra, mette dentro un pallone teso e forte: Lichtsteiner irrompe nell’area piccola e batte il portiere. Donadoni allora decide di cambiare: fuori Pabon e Acquah e dentro Belfodil e Ninis.

Al 58′ arriva il raddoppio. Punizione di Pirlo, Mirante para a terra, ma secondo l’arbitro di porta la palla supera la linea: gol bianconero e proteste furiose del Parma. Gli ospiti provano a rialzare la testa con Biabiany, ma il suo destro potente viene deviato in angolo da Storari. Più pericolosa l’azione Biabiany-Belfodil con l’attaccante francese che spedisce fuori un assist perfetto a pochi passi dalla porta. I gialloblù continuano a riversarsi in avanti, rendendosi anche pericolosi in qualche occasione.

Ma la difesa bianconera risponde alla grande, respingendo tutti gli attacchi, con la complicità di un attentissimo Storari. Prima della fine c’è tempo per tre cambi Juve: fuori Lichtsteiner, Vucinic e Giovinco, dentro Padoin, Matri e De Ceglie.

Nel Parma esce Rosi: pessima la partita dell’ex terzino della Roma, travolto dall’esuberanza fisica di Asamoah. Allo Juventus Stadium la squadra di Conte inizia da dove aveva finito: con una vittoria.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xt25gt_juventus-parma-2-0-highlights-goals-serie-a_sport?search_algo=2[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti