Da Taormina a Messina (o viceversa) le distanze si fanno sempre più brevi. E nelle ore in cui il sindaco della città peloritana, Giuseppe – detto “Peppino” – Buzzanca sta per dare le dimissioni, si è già aperta la caccia al suo successore.

Il primo cittadino si candiderà, infatti, alla elezioni regionali e per questo dovrà lasciare Palazzo Zanca, dove arriverà il terzo commissario straordinario in otto anni (se non è record poco ci manca…).

Il successore ad interim di Buzzanca, a sorpresa (ma non troppo), potrebbe essere l’avv. Michelangelo Lo Monaco, direttore generale e segretario generale del Comune di Taormina.  Così dicono indiscrezioni che arrivano in queste ore da Palermo.

Lo Monaco nei giorni scorsi ha preso un periodo di ferie dal Comune di Taormina e al suo posto è intanto arrivato in sostituzione Gaetano Russo, segretario generale a Barcellona Pozzo di Gotto. Sono solo ferie di fine estate o un segnale delle “grandi manovre” in atto a Catania negli ambienti dell’Mpa?

Il funzionarioil – che a Taormina percepisce 112 mila euro -, notoriamente vicino al dimissionario presidente della Regione e quindi all’Mpa, potrebbe insomma essere indicato per la nomina a commissario a Messina, dopo l’analoga esperienza avuta sino allo scorso maggio al Comune di Fiumedinisi.

In fondo, le strade amministrative tra Taormina e Messina, come detto, mai come di questi tempi si incrociano con una certa frequenza e facilità. Lo dimostra Fabio D’Urso che dal 2002 in poi è assessore nella Perla dello Jonio. E lo stesso vale per Santi Alligo, sfiduciato dall’incarico di city manager a Taormina ma che prontamente è stato accolto al Comune di Messina.

In casa Mpa si lavora per la nomina di Lo Monaco: e se son rose….

© Riproduzione Riservata

Commenti