In un libro le rivelazioni di Matt Bissonnette, il militare che ha tolto la vita il 2 maggio 2011 al n.1 di Al Qaeda

Matt Bissonnette

Vi racconto come è morto Osama Bin Laden. E’ prevista per il prossimo 11 settembre, undicesimo anniversario dei tragici attentati alle Torri Gemelle, la pubblicazione del libro che dovrebbe raccontare in prima persona il blitz che portò all’uccisione del leader di Al Qaeda, Osama Bin Laden, avvenuta la notte del 2 maggio del 2011, in un bunker ad Abbottabad, in Pakistan.

L’autore, prima sotto falso nome, è proprio un membro della squadra numero 6 dei Navy Seals che quella notte si trovava lì e che ha materialmente tolto la vita al terrorista più ricercato del mondo. Inizialmente l’uomo si è presentato con lo pseudonimo di Mark Owen, ma adesso è venuta a galla la sua vera identità: in realtà si chiama Matt Bissonnette, ha 35 anni ed è originario di Wrangell, in Alaska e, secondo quanto riferito da Fox News, sembra si sia dimesso dalla marina militare americana la scorsa estate.

Il titolo del libro è “No Easy Day: testimonianza di prima mano della missione che ha ucciso Osama Bin Laden”. Resta però il fatto che sia la marina, i Navy Seals, sia il Pentagono, Bissonnette non ha chiesto né quindi ottenuto alcuna autorizzazione per scrivere il volume che racconta le ultime concitate ore che hanno portato alla morte del capo di Al Qaeda.

Proprio per questo motivo il suo libro rischia adesso di essere perseguito, nel caso in cui dal testo dovessero emergere particolari troppo dettagliati riguardo l’operazione top secret.

Pochi giorni fa, in un altro libro sullo stesso argomento, il giornalista investigativo Ricch Miniter aveva sostenuto che in realtà il presidente americano Barack Obama avrebbe annullato per ben tre volte l’operazione e che alla fine si era convinto grazie alle pressioni da parte del segretario di Stato, Hillary Clinton.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ZsLZ3a8LbXw[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti