L’attuale segretario generale al Comune di Messina e commissario dell’Atm nominato anche segretario a scavalco alla Provincia. Intanto sino al 31 agosto, poi… 

Santi Alligo

Dopo sette mesi dal prepensionamento di Giuseppe Spadaro, alla segreteria generale della Provincia di Messina arriva il suo successore, ed è un nome molto noto nella zona jonica: Santi Alligo.

Collezione di incarichi a Messina per l’ex direttore generale del Comune di Taormina, che di fatto tra Comune, Atm e Provincia fa “tris”.

Dopo 20 anni trascorsi ai “comandi” della macchina amministrativa a Taormina, nel 2008 Alligo si era visto negare la riconferma a Palazzo dei Giurati e fu quindi subito accolto nella città dello Stretto dal sindaco Peppino Buzzanca, a quanto pare con la “benedizione” del cognato di quest’ultimo (Fabio D’Urso, assessore al Comune di Taormina).

Attualmente Alligo è segretario generale al Comune di Messina ed è anche commissario straordinario dell’Atm. L’incarico alla Provincia durerà fino al 31 agosto con possibilità di proroga, almeno fino a quando il Ministero dell’Interno non indicherà il suo successore.

Sul finire del 2011 Spadaro, l’ex segretario generale di Palazzo dei Leoni, aveva optato per il riposo anticipato. Così il funzionario, classe 1947 originario di Graniti che percepiva un compenso (importo al lordo annuo, come da contratto individuale) di 138 mila euro, era andato in pensione lasciando le redini della segreteria generale ad Anna Maria Tripodo, vice-segretaria dell’Ente.

Lo scorso 13 agosto la Prefettura di Palermo, su indicazione del Ministero, ha proceduto alla nomina, a scavalco, (vale a dire di un funzionario in ruolo in altro Ente locale) per consentire la piena regolarità amministrativa degli atti.

“Dovrei rimanere a Palazzo dei Leoni non più di un mese, compresa un’eventuale proroga del mandato, poi sarà compito del presidente della Provincia, quando arriverà l’indicazione del Ministero scegliere il candidato più idoneo” ha spiegato Alligo. Indicazione del Ministero che però non è ben chiaro quando arriverà.

Alligo comunque afferma che il suo sarà solo un incarico “momentaneo” e che di certo non farà il “tempo pieno” a Palazzo dei Leoni perchè ha già fatto presente a Palermo che il suo ruolo al Comune di Messina, soprattutto al momento, è un impegno complesso e imprescindibile. Tra l’altro, lo stesso Alligo, come detto, dallo scorso anno è anche commissario straordinario dell’Atm, la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico cittadino.

© Riproduzione Riservata

Commenti