Nel 2011, dopo tre anni di flessioni, si è registrato un incremento del 5,4%. Milano e Rimini le più colpite, Bologna al terzo posto e poi seguono Torino e Roma

aumenta il numero delle rapine

Tornano a crescere i reati nel 2011, un aumento legato anche alla crisi economica visto il forte incremento di furti, scippi e rapine.

Lo svrive il Sole-24Ore sulla base degli ultimi dati del ministero dell’Interno sui delitti denunciati all’autorità giudiziaria.

Nel 2011, dopo tre anni di flessioni, c’è stata un’inversione di tendenza dei reati, con un +5,4% rispetto al 2010.

I furti nelle case sono aumentati del 21%, arrivando a quota 205mila, mentre le rapine sono cresciute del 20,1%, superando la soglia di 40mila, “con i negozi che hanno sostituito le banche come bersaglio”. I borseggi (134mila) e gli scippi (quasi 18mila) sono aumentati rispettivamente del 16% e del 24%.

Milano – sottolinea il quotidiano economico – ha l’incidenza più alta di reati in rapporto alla popolazione (7.360 ogni 100mila abitanti), seguita da Rimini (7.001), Bologna (6.914), Torino (6.763) e Roma (6.138). Milano è prima anche per il numero totale dei reati denunciati (quasi 295mila), seguita da Roma (257.434), Torino (155.701) e Napoli (133.153).

© Riproduzione Riservata

Commenti