Secondo Coldiretti si va verso un drastico calo dei consumi nel 2012. E un 6% non arriverà mai a fine mese

c’era una volta il salvadanaio…

La crisi mette in difficoltà sei italiani su dieci (61%) che non dispongono di un reddito adeguato. Ma c’è addirittura un 6% che non riesce mai ad arrivare a fine mese.

E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti-Swg divulgata in occasione della diffusione dei dati sull’aumento delle spese per effetto di rincari e mutui che aggrava la situazione di difficoltà delle famiglie.

Il risultato è un drastico calo nei consumi nel 2012 che riguarda anche l’alimentazione con una riduzione stimata tra l’uno e il due per cento negli acquisti in quantità.

Per tagliare sulla spesa, precisa la Coldiretti, sono costretti a fare lo slalom tra gli sconti ben il 62 per cento degli italiani che vanno a caccia di offerte speciali tra le corsie dei supermercati più che in passato mentre circa la metà dei consumatori (49%) fa addirittura la spola tra diversi negozi per confrontare i prezzi più convenienti.

Tra le tendenze emergenti si evidenzia l’aumento di quanti acquistano prodotti locali (40%) e scelgono solo frutta e verdura di stagione (50%) magari senza intermediazione con un balzo record del 23% nel primo semestre del 2012 degli acquisti fatti direttamente dal produttore, resi possibili dalla rete degli agricoltori di ‘Campagna Amica’ dove hanno fatto la spesa oltre 9 milioni di italiani.

© Riproduzione Riservata

Commenti