Turista norvegese si ubriaca e poi va a dormire sul nastro portabagagli. Ora è polemica sull’immagine

l’immagine del turista “ai raggi x”

Ubriaco e stanco, si era addormentato sul nastro portabagagli, passando sotto gli scanner a raggi x che analizzano il contenuto delle valigie imbarcate: l’immagine che gli operatori dell’aeroporto di Fiumicino si sono trovati davanti sta sollevando un polverone.

L’uomo è un turista norvegese di 36 anni, che dopo aver bevuto alcune birre, in attesa di partire, non avendo trovato nessuno al banco del check-in lo avrebbe scavalcato addormentandosi, poi, sul nastro portabagagli nel terminal 3 sul quale sarebbe rimasto per circa un quarto d’ora. Tempo nel quale ha percorso una cinquantina di metri passando sotto lo scanner. Vedendolo, un’addetta alla sicurezza dello scalo ha quindi fermato il nastro ed è stata avvisata la polizia. Il norvegese è stato denunciato alla magistratura per procurato allarme.

L’Enac ha chiesto chiarimenti alla società Aeroporti di Roma. «Pur trattandosi, dalle prime ricostruzioni, di un passeggero che aveva già superato i controlli di sicurezza e non portava con sè oggetti pericolosi», scrive in una nota l’Autorità, «l’Ente chiede a tutti gli operatori negli aeroporti nazionali di mantenere sempre alta la vigilanza e di segnalare subito eventuali situazioni anomale».

© Riproduzione Riservata

Commenti