Flashback sul noto scrittore da poco scomparso: “nell’aprile ’96 ero ad un festival ad Amalfi e lui…”

Gore Vidal

Eravamo ad Amalfi il 17 aprile del 1996, durante la prima edizione di Cartoon On The Bay, il festival dell’animazione fondato da Giampaolo Sodano.

L’anno precedente, da Rai-2, Sodano era passato a dirigere Sacis, l’allora divisione per le produzioni, vendite ed acquisti della Rai.

Questo accadeva quando in Rai lo “show” era componente integrale dello “showbusiness” e la politica rappresentava solamente il 50% delle sue attivitá.

Sodano, come al solito, era riuscito a far arrivare sulla costa amalfitana molti dei piú importanti operatori nel campo dell’animazione di Hollywood e del mondo.

Oltre al concorso (che assegnava i premi Pulcinella d’oro), il festival prevedeva anche conferenze e tanti eventi sociali.

Ad uno di questi, proprio all’inizio di un fastoso pranzo presso l’Excelsior Grand Hotel in onore degli ospiti internazionali, a Sodano venne in mente d’invitare anche lo scrittore americano Gore Vidal che abitava poco distante, a Ravello.

Dal momento che ero seduto vicino a Sodano, lui trovó naturale chiedermi se potessi recarmi alla Rondinaia, la villa in cui Vidal viveva (in cima ad una rupe), e trovare una scusa per invitarlo all’ultimo momento. L’autista di Sodano, che era della zona, mi avrebbe accompagnato.

Arrivato davanti ad un grande cancello, dopo un tragitto tortuoso attraverso strade strette curvose e ripide, al citofono mi rispose Howard Austen, il suo compagno di una vita che, dopo aver ascoltato I miei preamboli da parte di Sodano riferí a Vidal, il quale mandó a dire che “stava riposando” : “The gentleman is resting”, furono le testuali parole.

Ritornato in hotel a riferire, trovai la sala pranzo quasi vuota, visto che avevano appena servito il caffé…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ys_lHb-zLFk[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti