Pippo Baudo rivela il “corteggiamento” serrato dei democratici: “mi hanno chiamato per le elezioni ma ho detto no. Non sarei in grado di amministratore e non amo i compromessi. E poi io voto soltanto a sinistra…”

Pippo Baudo

“Mi hanno chiesto di candidarmi alle prossime elezioni in Sicilia, me lo ha chiesto il Pd”. Lo ha raccontato ai microfoni della ‘Zanzara’ su Radio 24 Pippo Baudo, che da settembre torna in onda con un programma su Rai3.

“Mi ha chiamato un mio amico che milita nel Pd, ai massimi livelli, e me lo ha chiesto. Ma gli ho detto di no. Per la prima volta dichiaro una mia incompetenza specifica: non saprei governare, e soprattutto non vorrei essere governato da altri, con tutti quei compromessi che ci vogliono in politica”. E comunque “non è vero che vincerei a mani basse”,ha affermato.

“Io – ha raccontato ancora Baudo- ho sempre votato a sinistra, e adesso voto per il Pd”. E in ogni caso, “la Sicilia ha bisogno di una rivoluzione culturale. Ha professionisti di altissimo livello, docenti, medici e architetti ma non si sporcano le mani facendo politica e l’hanno delegata a questi politici di professione”.

Quanto ai candidati Governatore in Sicilia già in campo, la preferenza di Baudo al momento è per Crocetta: “ha fatto il sindaco di Gela, tutti dicono sia una persona molto intelligente e coraggiosa”, ha argomentato.

© Riproduzione Riservata

Commenti