“No” alla proposta di Di Pietro di un asse con Sel. Pd presenta “Carta d’intenti per il patto dei democratici”

Beppe Grillo

«Il Movimento 5 Stelle non si alleerà con nessun partito per le prossime elezioni e non ha ricevuto proposte da parte di alcuno». È quanto si legge sul blog di Beppe Grillo, in un «post scriptum» dopo un pezzo di Alessandro Di Battista sui «Nuovi colonialisti».

Intanto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, presenterà la “Carta d’intenti per il patto dei democratici e dei progressisti” che «si rivolgerà non solo alle forze politiche di ispirazione democratica e progressista, ma ad associazioni e movimenti» e a chi intenda concorrere a un progetto di governo. «Questo patto – si legge nella Carta d’intenti – si rivolgerà non solo alle forze politiche di ispirazione democratica e progressista, ma ad associazioni e movimenti, agli amministratori, alla cittadinanza attiva e alle personalità che intendano concorrere a un progetto di governo in grado di affrontare la grande crisi che stiamo vivendo».

Ieri di Pietro aveva proposto un asse tra «non allineati», che raggruppi forze politiche come Idv e Sel, ma anche il Movimento Cinque Stelle, al momento «messi ai margini» da Pd e Pdl. È il progetto che Di Pietro spera possa concretizzarsi. «La vera ragione per cui non non trovano l’accordo sulla legge elettorale è perché non sanno più quale può essere la lista che potrebbe ottenere la maggioranza dei voti», aveva detto il leader dell’Idv a chi gli chiedeva se fosse nell’aria un accordo elettorale con Grillo.

«Tutte le iniziative messe in campo per andare nella direzione di una vera alternativa sono positive», commenta il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. «Apprezzo che si metta insieme la parte migliore del paese per cambiare totalmente lo scenario che attualmente ci governa – aggiunge de Magistris – poi cosa accadrà non lo sa nessuno perché il quadro è ancora in movimento e ci sarà un autunno caldo imprevedibile». De Magistris ritiene però «difficile in previsione che il Movimento 5 si allei con partiti presenti nello scacchiere tradizionale».

© Riproduzione Riservata

Commenti