Parecchi italiani resteranno a casa. Quest’anno lo slogan di autostrade contro la ressa da esodo sarà “Partire consapevoli”. Attenzione ad alcol e droga

traffico in autostrada

Dopo anni di campagne per le partenze intelligenti, cambiano i tempi.

Sull’intera rete autostradale che da nord a sud e da est a ovest attraversa il nostro complicatissimo stivale, si segnala Per tutta l’estate una sola giornata ad alto rischio, diligentemente segnalata con il classico bollino nero: per chi ancora non ha deciso quando mettersi in viaggio, dunque, si sconsiglia vivamente la mattina di sabato 4 agosto, perché in quelle ore il traffico toccherà il suo massimo stagionale. Il traffico più intenso è naturalmente previsto sulla A1 e sulla A14.

Tra i giorni con bollino rosso, quelli con code e rallentamenti, «segnati» il 3, 4, 5, 10 e 11 agosto per gli itinerari verso il sud e le località turistiche. Mentre il controesodo ha come picchi di affollamento i week end del 18-19 e del 25-26 agosto.

Di certo, stavolta parecchi italiani rimarranno a casa, perchè la crisi economica è inesorabile e si fa sentire: di conseguenza ciò farà diminuire la pressione sulle arterie autostradali. Semmai, l’obiettivo quest’anno, come dice uno slogan, è «partire consapevoli», facendo attenzione non solo al traffico che comunque ci sarà, ma soprattutto alle leggerezze che mettono a rischio la sicurezza.

“Autostrade per l’Italia” è pronta: ha messo in campo la sua macchina operativa, rodata negli anni e rafforzata da nuove iniziative. L’amministratore delegato, Giovanni Castellucci, ne ha illustrato ieri le novità in un incontro a cui sono intervenuti anche il sottosegretario alle Infrastrutture e trasporti, Guido Improta, l’amministratore di Anas, Pietro Ciucci, e il nuovo direttore del Servizio Polizia stradale, Vittorio Rizzi.

«L’esodo estivo è ormai per noi soprattutto una questione di sicurezza. Dal 1999 a oggi — ha ricordato Castellucci — abbiamo ridotto il tasso di mortalità del 75,4%, salvando 300 vite umane ogni anno grazie anche al tutor e all’asfalto drenante. Gli esodi biblici del passato sono ormai un ricordo, in virtù del potenziamento della rete, dell’informazione in tempo reale sul traffico, ma anche per la maggiore consapevolezza degli italiani».

Se da un lato, dunque, gli italiani si comportano più correttamente, anche Autostrade fa la sua parte: chiudendo quasi tutti i cantieri, con oltre 100 chilometri di terze corsie e 4 nuovi svincoli realizzati nel 2011, e poi con la mappa interattiva consultabile sul sito www.autostrade.it — a cui ci si può collegare anche in molte aree di servizio dotate di Hi Point con connessione wi-fi gratis o con il proprio smartphone — con le previsioni di traffico in tempo reale.

Per garantire il massimo della sicurezza, durante l’estate anche la Polizia stradale aumenta il suo impegno, impiegando 4.650 uomini al giorno, 1.450 auto di servizio e 100 moto. Il direttore Rizzi ha spiegato che ci sarà «anche una massiccia presenza di squadre di polizia giudiziaria nelle aree di servizio». Quanto all’uso di alcol, saranno in campo 800 etilometri e 2.100 precursori per il controllo degli automobilisti e presto, ha rivelato Rizzi, «arriverà anche il drogometro».

Il traffico, comunque, non è solo autostrade. «Sulle strade — ha ricordato il sottosegretario Improta — si registrano 12 morti al giorno: uno ogni due ore». Per invertire questa tendenza, per ora su poche strade pericolose, il tutor arriva pure sulle statali. Si chiama Vergilius e misurerà la velocità media come il sistema di Autostrade.

Ultima novità è il concorso «I 10 luoghi comuni sulla sicurezza», un gioco online sul sito di Autostrade per sfatare i luoghi comuni sui comportamenti di guida scorretti. Per partecipare basta rispondere correttamente entro il 4 settembre a 7 delle 10 domande sul tema della sicurezza. In palio una 500, 40 navigatori e 10 macchine fotografiche.

© Riproduzione Riservata

Commenti