Scontri tra operai e responsabili d’azienda. Il corpo carbonizzato nella sala conferenze dello stabilimento

scontri in India

Il direttore del personale di una fabbrica del gruppo indiano Maruti-Suzuki è stato bruciato vivo e decine di altre persone sono rimaste ferite nel corso dei violenti scontri scoppiati tra gli operai e i responsabili dell’azienda, la cui produzione è stata sospesa.

Il corpo carbonizzato del responsabile, Avnish Kumar Dev, è stato identificato dopo il suo ritrovamento nella sala conferenze della fabbrica a Manesar, a circa 50 chilometri dalla capitale New Delhi, dopo gli scontri avvenuti ieri, ha indicato il gruppo, la cui maggioranza azionaria è di proprietà della casa giapponese Suzuki.

In un comunicato, la Maruti Suzuki, ha descritto Dev come un responsabile “profondamente coinvolto nelle cordiali relazioni industriali” e ha denunciato l’estrema violenza che va al di là dei normali rapporti tra operai e datore di lavoro. Secondo il gruppo, i disordini sono scoppiati ieri mattina, quando un dipendente ha colpito con violenza un caporeparto. Secondo i sindacati, è il caporeparto che ha maltrattato l’operaio.

Maruti ha riferito che i dipendenti armati di spranghe hanno poi colpito dei responsabili “alla testa, alle gambe e alla schiena, provocando emorragie e svenimenti”. “La produzione è totalmente sospesa”, ha dichiarato un responsabile, precisando di non sapere quando la filiale, dalla quale escono 55mila veicoli all’anno, riaprirà. Intanto il titolo del gruppo è precipitato a fine giornata di circa il 9% alla Borsa di Bombay, con gli investitori contrari a una chiusura prolungata della fabbrica.

© Riproduzione Riservata

Commenti