La cooperante italiana rapita a ottobre in Algeria è stata rilasciata ora in Mali insieme a due spagnoli

Rossella Urru

Rossella Urru è libera. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Terzi.

La cooperante italiana, rapita lo scorso ottobre in Algeria, è stata rilasciata dai miliziani del Mujao (il Movimento per l’unità e il jihad in Africa occidentale) nei pressi di Timbuctù e si trova ora nelle mani dei mediatori.

L’annuncio di Terzi segue conferma quello dato in giornata da un portavoce di un gruppo islamico vicino ad al Qaeda.

Il portavoce del gruppo islamico radicale Ansar al Din, Sanda Uld Buana, citato dall’agenzia Efe, conferma che un ostaggio italiano e due spagnoli sono stati liberati nel nord del Mali.

Una dei due spagnoli è la cooperante Ainhoa Fernandez de Rincon, sequestrata insieme alla Urru in ottobre con Enric Ganyalons dal gruppo terrorista Movimento di Unicità e Yihad in Africa occidentale. Per ora, comunque, nessuna conferma ufficiale, né informazioni su dove si trovino.

Interpellata sul caso la Farnesina fa sapere che sta verificando la notizia attraverso tutti i canali disponibili. Il ministro degli esteri Giulio Terzi segue la questione personalmente e attraverso l’Unità di crisi. Si procede con la massima cautela. Nel marzo scorso si era diffusa la notizia della liberazione della cooperante, successivamente smentita non senza aver provocato un inutile stress ai familiari.

Anche stavolta, la notizia della liberazione ha fatto presto ad arrivare a Samugheo, provincia di Oristano, dove abitano i genitori di Rossella. Lo zio della ragazza, Mario Sulis, portavoce del Comitato per la liberazione di Rossella, non ne sapeva nulla. «Speriamo che stavolta sia vero», commenta spiegando di aver parlato ieri con i genitori di Rossella e di averli trovati ottimisti su un possibile esito positivo del rapimento in tempi brevi.

La Urru fu catturata con Ainhoa Fernandez de Rincon nel campo di rifugiati saharawi di Hassi Rabuni, nel deserto algerino lo scorso 23 ottobre, da un gruppo di uomini armati arrivati su vari fuoristrada probabilmente dal nord di Mali.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=wBIlRHBRt8M[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti