Equipe medica di Taormina, supportata dai colleghi del Papardo, salva la vita ad un 53enne affetto da grave patologia cardiaca e disfunzione al ventricolo sinistro

l'equipe medica di Cardiologia del "San Vincenzo"

L’Ospedale di Taormina sempre più all’avanguardia nel trattamento delle malattie più gravi e complesse e i viaggi della speranza lasciano sempre più spazio all’alta efficienza dei casi di mobilità attiva sul nostro territorio.

Un eccezionale intervento, in collaborazione con il “Papardo” di Messina, è stata effettuata su un paziente di 53 anni proveniente dalla Calabria ed affetto da una grave patologia cardiaca caratterizzata da disfunzione contrattile ischemica ed aritmogena del ventricolo sinistro con assenza di ritmo cardiaco spontaneo che necessitava dell’impianto urgente di un pacemaker defibrillatore intracardiaco.

L’intervento veniva complicato dalla totale ostruzione delle vie venose principali che impedivano l’impianto del defibrillatore standard in maniera intravascolare. L’operazione è stata così eseguita in due step, coinvolgendo due strutture mediche di due ospedali diversi.

L’impianto del pacemaker per garantire il ritmo cardiaco è stato eseguito utilizzando cateteri extravascolari, dal cardiochirurgo dott. Fabrizio Ceresa presso la Divisione di Cardiochirurgia dell’Ospedale Papardo di Messina diretta dal dott.Francesco Patanè.

L’impianto di un particolare tipo di defibrillatore di ultima generazione,il sottocutaneo cioè che non prevede cateteri intravascolari venendo applicato soltanto sotto la cute è stato eseguito dai dott. Giuseppe Calvagna e Rosario Foti presso la sala di elettrofisiologia della Divisione di Cardiologia dell’Ospedale san Vincenzo di Taormina diretta dal dott.Rosario Evola. Questo particolare intervento “ibrido” ha permesso il trattamento di una patologia poco comune ma molto complessa risolvendola con pochissimi rischi per il paziente.

“Il successo di questa operazione – spiega Calvagna, cardiologo interventista tra i più stimati in campo nazionale per i suoi interventi innovativi – è il frutto di una grande esperienza nel settore della Cardiostimolazione ormai consolidata nel tempo e della presenza di una equipe medico-infermieristica affiatata. Di grande importanza è stata la collaborazione tra medici provenienti anche da differenti esperienze e da diverse strutture ospedaliere in un clima di grande sinergia”.

© Riproduzione Riservata

Commenti