Stampa estera scatenata sul ritorno di Berlusconi: “è un incubo che fa già inorridire gli italiani e l’intera Europa”

Berlusconi sulla copertina di "Die Welt"

Silvio Berlusconi è il regista di un film su se stesso dal titolo «Il padrino 4». La pensa così il quotidiano tedesco Die Welt, che il 14 luglio ha commentato con una sottile ironia il ritorno in campo del Cavaliere in vista delle elezioni del 2013.

«Può esserci un’Italia senza Berlusconi?», si è chiesto il giornale. «Al momento sì. Ma il 75enne vuole tornare al potere.

E un uomo come lui, che nel resto d’Europa viene chiamato volentieri anche il ‘padrino’, ovviamente non lo dice personalmente. Lo lascia dire agli altri».

L’ex premier è ancora «un peso massimo della politica italiana», continua Die Welt, che sottolinea come in questi ultimi mesi lo scenario non si sia affatto rinnovato. Berlusconi resta «molto amato soprattutto fra gli italiani con un basso livello di istruzione e fra le donne sopra i 50 anni. E in questi tempi di crisi si presenta come una figura carismatica e paterna a cui si perdonano passi falsi e scandali».

Inoltre «la discussione su un ritorno di Berlusconi nella politica minaccia di innalzare la sfiducia da parte dei mercati, perché una campagna elettorale contro la politica del risparmio danneggerebbe drammaticamente la credibilità del Paese».

Dopo aver già governato l’Italia tre volte negli ultimi 18 anni, «il padrino Silvio» ha quindi deciso di riprovarci ma la sua candidatura rappresenta un vero e proprio «incubo» secondo la Sueddeutsche Zeitung.

In un articolo dai toni duri sul ritorno del Cav, il quotidiano ha scritto: «L’idea che potrebbe di nuovo governare fa inorridire la maggior parte degli italiani così come i partner europei».

Infine il giornale tedesco ha rivolto un appello all’Europa affinché mandi un segnale chiaro all’Italia: «Con Berlusconi, premier imbarazzante, il Paese finirebbe di nuovo nel precipizio».
La Sueddeutsche Zeitung ha anche ricordato come otto mesi fa, al vertice di Cannes, l’ex premier italiano abbia negato che il suo Paese fosse in crisi, sostenendo che i ristoranti in Italia fossero pieni.

«Se la politica dell’Italia cadesse di nuovo a questo livello, sarebbe davvero un incubo», sostiene l’articolo di Andrea Bachstein.

Berlusconi, si legge, incontra il consenso del «nocciolo duro» del suo elettorato «vaneggiando» sull’uscita dell’Italia dall’euro e «compiacendosi» nei rimproveri a Mario Monti e all’Ue.
Tanto potrebbe bastare a far vivere un nuovo incubo all’Italia e scrivere la trama de «Il padrino 4».

© Riproduzione Riservata

Commenti