L’assessore alle Autonomie Locali e all’Istruzione lascia l’incarico. Va al Ministero di Grazia e Giustizia a Roma

Caterina Chinnici

 Caterina Chinnici ha rassegnato poco fa le dimissioni da assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica per andare a rivestire un ruolo a Roma al Ministero di Grazia e Giustizia.

La figlia del giudice istruttore Rocco Chinnici ucciso dalla mafia nel 1983 è il nuovo responsabile del Dipartimento della Giustizia Minorile del ministero della Giustizia. Alla guida di uno dei più delicati settori del dicastero di Via Arenula il Guardasigilli Paola Severino ha così scelto un magistrato con alle spalle una lunga e approfondita esperienza nel campo dei minori.

“Ritorno nel mio ambito professionale – spiega la Chinnici – certamente arricchita dall’esperienza amministrativa di questo triennio. Ringrazio il ministro Severino per l’opportunità e la fiducia concessemi, il presidente Lombardo per la possibilità che mi ha dato di offrire il mio contributo al percorso di rinnovamento della Sicilia e il Parlamento regionale, con il suo presidente Cascio, per la collaborazione e la disponibilità dimostrata in questi tre anni”.

“Lascio il mio incarico – si legge su Blogsicilia – con la consapevolezza di avere lavorato nell’interesse dei cittadini siciliani, sempre nel rigoroso rispetto della legalità, per realizzare gli obiettivi di governo nell’ambito delle competenze dell’assessorato che ho avuto l’onore di dirigere. Fra questi, primo tra tutti l’approvazione della legge 5/2011 sulla semplificazione, imparzialità e trasparenza dell’azione amministrativa – di cui proprio in questi giorni si è sostanzialmente completata la fase attuativa – che sono convinta potrà rappresentare un utile strumento per rilanciare l’economia e il lavoro e per attrarre investimenti nell’Isola”.

“Non è facile lasciare – conclude l’assessore – dopo 3 anni di lavoro trascorsi intensamente insieme a una bellissima e affiatata squadra di collaboratori. Un ringraziamento speciale va a tutti loro per l’entusiasmo e la dedizione con i quali mi hanno affiancato in questa bella esperienza”.

“Certamente – ha affermato il presidente della Regione, Raffaele Lombardo – ci manchera’. Credo che in questi 3 anni nessun altro assessore abbia avuto un grande consenso, anche tra i partiti d’opposizione, come la dottoressa Chinnici. A lei va il mio ringraziamento e l’augurio di buon lavoro per il nuovo e prestigioso incarico”.

“Ringrazio Caterina Chinnici per aver accettato un incarico gravoso al quale saprà dare un fondamentale contributo di professionalità e di competenza acquisite in anni di intenso lavoro in qualità di magistrato minorile, nonché di esperto ministeriale nei campi delle adozioni internazionali e della devianza minorile”, ha affermato il ministro Severino.

Caterina Chinnici è stata la più giovane magistrato in Italia nominato capo di un ufficio giudiziario, quello di procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, dal 1995 al 2008, e presso il Tribunale per i minorenni di Palermo, dal 2008 al 2009.

Nominata dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo, nel giugno 2009 è stata assessore regionale alla Famiglia e Politiche Sociali. Dal 1 gennaio 2010 ha seguito l’assessorato alle Autonomie Locali e Funzione Pubblica.

© Riproduzione Riservata

Commenti