Scosse di 4.8 e 4.1 nel mar Jonio e nel mare delle isole Eolie. Il primo sisma alle 13,15 è stato avvertito anche nel versante orientale. Il secondo è avvenuto alle 15.27

il sisma in Sicilia e Calabria

Due forti terremoti si sono registrati nella giornata di mercoledì in Sicilia. La prima scossa di terremoto di magnitudo 4.8 è stata registrata alle 13.15.

A 150 chilometri a sud est da Catania, e ad una profondità di 48 chilometri e a 73 km dal centro di Brancaleone in provincia di Reggio Calabria.

Come confermato dall’Ingv di Catania il sisma è stato ampiamente avvertito dalle popolazioni del Sud della Calabria e della zona orientale della Sicilia. Secondo gli studiosi si tratterebbe di «un episodio isolato».

La seconda forte scossa sismica, di magnitudo 4.1 sulla scala Richter, si è verificato nel pomeriggio nel mare delle isole Eolie. L’evento è stato registrato alle 15.27 dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, che lo ha localizzato a una profondità di 167 chilometri. Al momento non si registrano danni a cose e persone.

La domanda che si fanno in tanti è: cosa sta succedendo in Sicilia? Sono forse eventi che richiamano le inquietanti previsioni di alcuni esperti? Quelle previsioni ipotizzavano violenti movimenti sismici proprio tra la Sicilia e la Calabria. Adesso la speranza è che i fatti di queste settimane non siano riconducibili in alcun modo a quei nefasti presagi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=MfpOBVFoBYo[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti