L’atto conclusivo della serie con il “medical drama”  stasera in prima serata su Canale 5. Fine di un’era

Hugh Laurie

Bloccato in un edificio in fiamme Dr. House incontra i defunti Kutner e Amber, il primo amore Stacy e Cameron. A tu per tu con la sua coscienza, il primario più famoso della tv è alle prese con l’ultimo atto.

Il 3 luglio in prima serata su Canale 5 – annuncia Tgcom – arrivano il ventunesimo e il ventiduesimo episodio dell’ottava stagione del medical drama: il claudicante e scorbutico primario, interpretato da Hugh Laurie, saluta i telespettatori italiani.

Dopo 177 episodi e 8 stagioni di riconoscimenti e popolarità, chi non vuol sapere che destino lo attende alzi il bastone. Cameron non si spende per convincere l’uomo a sopravvivere: “Morire non è una punizione, è una ricompensa”, gli dice.

Tuttavia, è proprio l’atteggiamento di Cameron ad indurre il medico a rialzarsi e lottare: “Hai ragione ma posso cambiare”. Ma, quando Wilson e Foreman si avvicinano all’edificio in fiamme, House viene travolto da un’esplosione.

Muore o non muore Gregory House, nell’episodio dal titolo emblematico, “Everybody dies”, tutti quanti muoiono, creato parafrasando una frase dello stesso medico “everybody lies”, ovvero tutti mentono? E dunque può essere ribaltata. Un finale col botto dove nulla è lasciato al caso, ma tantomeno scontato

© Riproduzione Riservata

Commenti