I rappresentanti del partito di Casini in un documento prendono le distanze dall’attuale gestione dell’azienda

bus navetta dell'Asm

L’Udc prende le distanze ufficialmente dalla liquidazione Asm. I centristi si “smarcano” dal provvedimento che, tramite apposita delibera consiliare del 22 settembre 2011, ha commissariato l’azienda municipalizzata.

Da tempo i rappresentanti locali del partito di Casini avevano espresso malumori sull’attuale gestione dell’azienda, affidata al commissario liquidatore Cesare Tajana. Sui banchi del Civico consesso siedono per l’Udc Antonio D’Aveni, Eligio Giardina e Vincenzo Scibilia. Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota:

Ancora una volta dobbiamo prendere atto della situazione riguardante l’Asm. Facciamo adesso veramente fatica a riconoscerci in quella liquidazione, condivisa e votata circa nove mesi fa in Consiglio Comunale. Purtroppo, ad oggi, ci sembra si sia smarrito lo scopo principale della Liquidazione, anche perché si prendono spesso delle decisioni non condivise, e quindi non avallabili. Manca, infatti, un percorso concordato che porti avanti la strategia liquidatoria. L’estrema criticità che sta vivendo l’Azienda ci porta a riconsiderare la nostra posizione sull’Asm, cosa avvenuta in maniera molto chiara, anche negli ultimi Consigli Comunali, durante i quali, tra l’altro, abbiamo chiesto al liquidatore, un incontro, mai avvenuto, per capire le strategie che intende adottare al fine di portare avanti la liquidazione. Una richiesta d’incontro che viene estesa ai gruppi che hanno determinato la scelta”.

“Una cosa è certa, cioè che l’Asm va salvaguardata sia per i servizi alla città, sia per i servizi al Turismo sia per il mantenimento dei posti di lavoro. Considerato quanto detto, formalizziamo le dimissioni del consigliere D’Aveni da componente della Commissione Speciale Asm, costituita, all’atto della condivisione dell’iniziativa in Consiglio Comunale”. “Ritengo le mie dimissioni dalla Commissione Asm un atto dovuto – ha dichiarato D’Aveni – ed infatti secondo il mio parere, condiviso anche dal mio gruppo, sono ormai venute meno le basi per le quali è stata costituita, cioè di essere di supporto e controllo della strategia liquidatoria”.

© Riproduzione Riservata

Commenti