E’ vicina l’ora di un grande campionato continentale tra le squadre più forti d’Europa: ecco il piano dei potenti

Michel Platini

Eccola la new age del calcio mondiale. Un campionato calcistico continentale giocato dai Top Club, secondo la stima di StageUp, si posizionerebbe al secondo posto fra i tornei sportivi più ricchi al mondo dietro la sola National Football League statunitense. Il Torneo fatturerebbe 6 volte tanto l’attuale Champions League.

Una Superlega calcistica europea, espressione dei principali mercati continentali, potrebbe fatturare 6,3 miliardi di euro posizionandosi al secondo posto fra i campionati sportivi più ricchi al mondo dopo la sola NFL che attualmente incassa 7,4 miliardi.

Il nuovo campionato si posizionerebbe davanti alla Major League Baseball statunitense che fattura 5,9 miliardi e al campionato di basket NBA a quota 3,4 miliardi.

La Superlega incasserebbe, ad esempio, 6 volte tanto l’attuale Champions League e quadruplicherebbe i ricavi medi per singolo club della Serie A, oggi pari a 78 milioni di euro contro i 231 milioni di una squadra NFL e i 113 milioni di una franchigia NBA.

Per quanto riguarda i ricavi per singola gara giocata, secondo la stessa analisi di StageUp, una squadra NFL oggi incassa, in media, da diritti tv, commerciale e biglietteria sette volte di più di un club di Serie A: 14,4 milioni contro poco più di 2 milioni di euro. Una franchigia NBA, considerato l’elevato numero di partite giocate in stagione, incassa “appena” 1,4 milioni per gara.

“L’analisi sul potenziale di una eventuale Superlega – spiega Giovanni Palazzi, presidente di StageUp – dimostra come l’appeal globale del calcio possa generare straordinari ricavi. Va solo definito un modello di business vincente. Quello della NFL, ad esempio, è particolarmente accentrato sugli aspetti commerciali e di finanziamento per la costruzione degli stadi nonchè sull’equità competitiva garantita, in larga parte, dall’applicazione di un tetto salariale rigido. Una eventuale Superlega, calata sulle problematiche europee di uniformità fiscale e giuslavoristica, non potrà fare a meno di confrontarsi su questi aspetti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti