Berlusconi conferma Thiago al Milan, rifiuta 46 milioni dal Psg ma ammette: “la mia famiglia è in grave crisi”

Silvio Berlusconi

A sopresa durante lo Speciale Calciomercato di Sportitalia, ieri sera, è intervenuto Silvio Berlusconi, in queste ore “protagonista” (scelta sofferta che è maturata in extremis o ennesima riprova di marketing mediatico?) della conferma di Thiago Silva, il difensore brasiliano del Milan per il quale i francesi del Psg offrivano 46 milioni di euro. Dal calcio alla politica il passo è stato breve e il Cavaliere ha parlato anche del lodo Mondadori.

“Non abbiamo cambiato idea, non c’era idea di una cedere il calciatore, ma venivano delle offerte straordinarie da parte del PSG. Non credo che il PSG abbia motivo di assumere un atteggiamento di questo genere perché noi siamo stati chiari e contenti. Abbiamo detto da subito che non c’era una decisione definitiva ma volevamo ascoltare quali ptoessero essere le offerte e soltanto dopo aver preso visione di queste e guardato il mercato estero per il sostituto, avremmo deciso. Ci hanno fatto unì’offerta molto interessante, vicino ai 46 milioni di euro. Abbiamo preso atto di questa possibilità e abbiamo dato un occhio ai centrali di difesa che potevano sostituire il nostro Thiago Silva ma non abbiamo trovato nessuno di adeguato. Il vecchio cuore rossonero di Silvio Berlusconi ha permesso di rifiutare questa offerta. Io credo che sia naturale che l’agente possa bussare alla nostra parte, ma Thiago Silva è un grande uomo e possiamo trovare una soluzione facilmente”.

“Siamo in crisi e anche la mia famiglia è stata colpita da un grande salasso, una vera e propria rapina del millennio, versando 564 milioni di euro in contanti per il Lodo Mondadori e questo ci ha portato a delle difficoltà a sostenere le entrate e le uscite del nostro Milan, per questo abbiamo valutato le offerte del mercato. Speriamo di avere la migliore difesa l’anno prossimo”.

“Sul rapporto con Galliani e Ibra dice: “Ho un grande affetto per lui, il nostro rapporto è ancora più consolidato di 26 anni fa e su Ibra dico che rimane anche lui perché nel suo ruolo di punta è il migliore”.

© Riproduzione Riservata

Commenti