La foto davanti allo specchio, sul social network, ha fatto il giro del mondo ma ora spunta una porno star

la foto di Kim Kardashian su Twitter

Kim Kardashian infiamma il web. Il “popolo” di internet scatenato alla ricerca delle immagini bollenti della starlette americana,  fotografata nuda da Kanye West e pubblicata su Twitter.

Una foto che ha fatto il giro del mondo nel tempo di un click: così lo scandalo è scoppiato fragoroso e ha infastidito non poco la burrosa Kim.

Lo scatto dello scandalo è stato rimosso da Kanye West ma è diventato oramai di dominio di quanti su internet ci vivono, così come di giornali e siti scandalistici che cercano in primis di capire cosa stia accadendo nella coppia tutta glamour del momento.

Kim Kardashian ha così visto svanire il sorriso che le era rimasto stampato dopo l’intervista concessa a Oprah Winfrey e forse anche allo stesso Kanye che, oltretutto, si è visto piombare i ladri in casa mentre era impegnato in un live assieme all’amico e socio Jay Z. Il sito americano TMZ ha però sciolto il mistero della foto scandalo. Il fondoschiena che si vede nello scatto proibito è della ex porno star Amia Miley che, a due anni dall’addio al mondo dell’hard, ha visto il proprio nome ma soprattutto il proprio fondoschiena ovunque nel mondo.

La somiglianza tra Kim Kardashian e Amia Miley? Forse nei fianchi e nel prosperoso lato b nonostante gli sforzi di Kim in palestra siano noti ai più. La ex diva a luci rosse ha commentato così l’accaduto a Us Magazine: “E’ una foto di circa due anni fa fatta forse a Londra ma non nella stanza di Kanye West”.

Di Kim Kardashian dice che è una ragazza bellissima ma definisce stupido il paragone tra le due: “entrambe abbiamo i capelli scuri e un sedere formoso” ma “non vuol dire che ci somigliamo”. Amia vorrebbe poter continuare gli studi per diventare una maestra ma sa che questa pubblicità l’ha danneggiata. Kim Kardashian e Kanye West non commentano, almeno per ora, l’accaduto ma come sempre la socialite uscirà a testa alta e con sguardo da cerbiatta anche da questa vicenda.

© Riproduzione Riservata

Commenti