Il 90% dei decessi infantili ogni anno avviene in Africa sub-sahariana e Asia del sud: mancano antibiotici, sali reidratanti, allattamento al seno

polmonite e diarrea possono uccidere i neonati

Più di due milioni di bambini, ogni anno, muoiono in tutto il mondo per due malattie conosciute e curabili: la polmonite e la diarrea. A dirlo è un rapporto dell’Unicef: i piccoli che non riescono a sconfiggere queste due patologie, spesso «banali» per noi occidentali, sono concentrati (90%) nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia meridionale. Il dato è impressionante, perché si tratta di un terzo delle morti di bambini al di sotto dei cinque anni in tutto il mondo.

Prevenzione e trattamenti per entrambe le malattie – si legge in un approfondimento di Repubblica – spesso si sovrappongono e includono aumento della copertura vaccinale, promozione dell’allattamento al seno, lavaggio delle mani con sapone, ampliamento dell’accesso all’acqua potabile sicura e ai servizi igienici, distribuzione di sali per la reidratazione orale per i bambini con diarrea e antibiotici per i bambini con polmonite batterica. Tutte cose note, e scontate per i nostri bambini: non altrettanto per i piccoli nati in alcuni Paesi in via di sviluppo, in particolare i 75 Stati con il tasso più alto di mortalità.

Eloquenti alcuni dati del rapporto: cure appropriate per i bambini con i sintomi della polmonite sono casuali, e meno di un terzo di bambini malati vengono curati con gli antibiotici. I sali per la reidratazione orale rappresentano un intervento a basso costo per aiutare i bambini affetti da diarrea, eppure vengono utilizzati solo da un terzo dei bambini malati nei Paesi in via di sviluppo.

Uno dei modi più semplici ed efficaci per prevenire l’insorgere di questo tipo di malattie e per salvaguardare la salute dei bambini è l’allattamento al seno: eppure meno del 40% dei bambini sotto i sei mesi, nei Paesi in via di sviluppo, riceve il latte esclusivo dalla mamma. Infine, secondo l’Unicef, tali Stati dovrebbero rendere obbligatorie le vaccinazioni contro le principali cause di polmonite e diarrea.

© Riproduzione Riservata

Commenti