Il segretario Scibilia: “Amministrazione non esiste più, così la città affonda. Si dimettano e andiamo al voto anticipato. A Trappitello buttati via i soldi per la nuova segnaletica, rifatta dal Comune e cancellata dall’Anas”

Enzo Scibilia

“Basta con questa Amministrazione che non esiste è non è in grado di governare la città. Bisogna andare alle elezioni anticipate per uscire da una situazione di impasse che rischia di avere gravi ripercussioni sull’economia della città e sulla prossima legislatura”.

Lo dichiara il segretario dell’Udc, Enzo Scibilia, che chiede l’immediata interruzione della legislatura e il voto anticipato in autunno.

“Ormai – afferma Scibilia – non c’è più un’Amministrazione. E’ emblematico quanto avvenuto a Trappitello proprio in queste ore. Circa dieci giorni fa erano state rifatte le strisce pedonali e adesso l’Anas ha scarificato tutta la via Francavilla ponendo il nuovo manto stradale e le nuove strisce sono state cancellate. Dopo quattro anni di attesa dei soldi pubblici sono stati buttati via. Taormina ha toccato il fondo, e dovremmo ricordare altri casi altrettanto imbarazzanti come i lavori di via Crocifisso”.

“La nostra – continua Scibilia – non è una sterile polemica, come quelle che spesso si registrano sullo scenario politico, ma una doverosa presa d’atto di una crisi che è sotto gli occhi di tutti e che si ripercuote sul paese. Sussistono contingenti fattori globali ma vi è soprattutto una crisi locale che l’attuale Esecutivo non riesce ad affrontare e così è stato per tutti gli ultimi quattro anni. Apprendiamo persino l’intenzione di adottare subito la tassa di soggiorno, cosa ormai improponibile alle porte della stagione turistica ed in presenza dei contratti già stipulati da mesi con i tour operator”.

“E’ arrivato il momento – conclude il segretario Udc – che l’Esecutivo vada a casa: se veramente si ha a cuore il bene di Taormina la cosa giusta da fare è prendere atto di aver fallito. In queste condizioni non si può più salvare nemmeno il salvabile. Taormina sta sprecando molte risorse e altrettante opportunità di sviluppo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti