Smessi i panni del mago, Daniel Radcliffe adesso ha altro in testa: sogna di diventare Flash al cinema

Daniel Radcliffe

Da mago a supereroe? Esatto. Potrebbe essere questa la parabola attoriale di Daniel Radcliffe, da poco liberatosi dei panni di Harry Potter ma a quanto pare desideroso di indossare calzamaglia e mantello.

Intervistato da ShowBizSpy, il giovane attore britannico ha infatti svelato un’ambizione recitativa decisamente inattesa. Quella del cinecomic.

“Non sono rimasti così tanti supereroi che non siano stati adattati al cinema, ma credo che nessuno abbia ancora fatto Flash. A quello potrei candidarmi, ma non ho alcun piano immediato. Ho ricevuto molte offerte, ma voglio accettare un progetto che mi appassioni davvero”.

Confessione a dir poco sorprendente quella di Radcliffe, tutt’altro che ‘aitante’ per poter ambire ad un ruolo simile ma comunque ‘sognatore’, tanto da fare persino nomi e cognomi. Ovvero Flash, personaggio dei fumetti creato da Gardner Fox e Harry Lampert nel lontano 1940, per poi essere pubblicato dalla DC Comics.

Flash, e qui ha ragione l’ex maghetto Warner, non è mai approdato al cinema. Esiste una trasposizione televisiva del supereroe, realizzata negli anni 90 e con John Wesley Shipp protagonista, ma non una versione cinematografica. Da anni il ‘progetto’ Flash è in mano agli studios di Hollywood, con David Dobkin in cabina di regia e tre attori del calibro di Adam Brody, Joseph Cross e Michael Angarano in lizza per l’ambito ruolo. Che da oggi vede scendere in campo anche lui. Daniel Radcliffe.

© Riproduzione Riservata

Commenti