Il tribunale ha accettato le garanzie. Ora resteranno in albergo in attesa dell’inizio del processo (il 18 giugno)

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

I due fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono stati scarcerati dietro cauzione e hanno lasciato la Borstal School dove erano rinchiusi.

Il tribunale di Kollam ha infatti accolto oggi documenti e garanzie relativi alla concessione della libertà dietro cauzione (bail).

I due militari italiani sono arrivati all’Hotel Trident di Kochi dove trascorreranno la notte. Non indossavano la divisa per l’occasione ma jeans e maglietta. Alloggeranno in albergo in attesa dell’inizio del processo fissato per il 18 giugno.

La liberazione è un bene ed è significativo che arrivi nel giorno della Festa della Repubblica – ha detto il premier Mario Monti -. Ma l’obiettivo – ha aggiunto – è il loro rientro in Italia».

L’autorizzazione inviata a Kochi. L’autorizzazione alla liberazione era stata consegnata alla delegazione italiana che l’ha portata a Kochi (distante 160 chilometri da Kollam, tre ore e mezza d’auto) e consegnata a K Anil Kumarl, sovrintendente della Borstal School dove si trovavano i due marò.

Il sovrintendente aveva assicurato che avrebbe atteso l’arrivo del documento per rendere effettiva la libertà dietro cauzione stasera. Per quasi tre ore l’ufficio del “Chief Judicial Magistrate” è stato al centro di un’intensa attività degli impiegati che raccoglievano i necessari nulla osta dai diversi uffici per rendere esecutivo il “bail”.

© Riproduzione Riservata

Commenti