I tre calciatori hanno giocato insieme al Modena, adesso due sono in carcere e l’altro è indagato: una casualità?

Sculli, Mauri e Milanetto ai tempi del Modena

A distanza di anni i conti tornano. Ci sono tre calciatori, erano attesi tutti e tre domani a Modena per una partita legata al centenario della società gialloblù, ma anche per raccogliere denaro a favore dei terremotati. La partita ci sarà, ma loro no.

Omar Milanetto, Stefano Mauri sono stati arrestati questa mattina nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse, mentre Giuseppe Sculli, la cui richiesta di arresto è stata rifiutata dal Gip, è pure lui finito nei guai.

Alla partita di domani sera in programma al Braglia alle 20,30, tra il Modena di ieri e di oggi contro una rappresentativa di ex campioni, tra i quali Schillaci, Graziani, Antognoni guidati da Sergio Brighenti, avrebbe dovuto prendere parte anche Marco Turati, difensore in forza attualmente in forza al Modena, arrestato pure lui in mattinata.

Milanetto soprattutto, ma anche Sculli e Mauri hanno scritto pagine importanti della storia del Modena. Milanetto arrivò in gialloblù nell’estate del 2000 e con il Modena in due anni è approdato dalla C1 alla serie A, vestendo questa maglia fino al 2004 quando la squadra retrocesse in B. Milanetto è stato un insosituibile punto di forza del centrocampo, entrando nel cuore della gente per le sue prestazioni sempre generose e di grande qualità. ‘Hannibal’, così lo chiamavano i tifosi da queste parti, dopo due anni a Brescia, passò poi al Genoa dove ha giocato fino alla fine del campionato 2010-11 prima di passare al Padova.

Stefano Mauri arrivò a Modena in serie B nel 2001. Qui sotto le cure di De Biasi è cresciuto tantissimo e dopo la promozione in A e un anno nella massima serie, venne ceduto al Brescia e da lì iniziò la sua ascesa fino a conquistare la maglia della nazionale. Mauri e Milanetto si conobbero proprio a Modena e insieme sono coinvolti nell’inchiesta che deve fare luca su Lazio-Genoa del maggio 2011, le loro rispettive squadra di appartenenza nel campionato in questione.

Beppe Sculli a Modena ha giocato solo un anno, lasciando però una traccia importante del suo passaggio. Cannoniere della squadra con 8 reti nel torneo 2003-04, firmò soprattutto una doppietta nel derby vinto con il Bologna

Marco Turati nel Modena ci ha giocato quest’anno, collezionando 19 presenze, soprattutto nella prima parte del campionato. Il suo coinvolgimento nel calcio scommesse ha condizionato probabilmente le sue prestazioni e forse anche le scelte dello staff tecnico.

Tra gli ex del Modena coinvolti negli arresti di questa mattina, c’è anche Ivan Tisci, due stagioni e mezzo in gialloblù, attualmente direttore sportivo. Non ha mai entusiasmato e la sua cessione nel gennaio del 2006 fu quasi una liberazione.

Questi i fatti di oggi. Il Modena, tra le società deferite, sarà coinvolto nel processo sportivo che inizierà giovedì a Roma per la posizione di uno suo ex tesserato, Yuri Tamburini, accusato, quando giocava a Modena, di aver favorito una combine tra Grosseto-Reggina.

Tra i giocatori nella rosa gialloblù di quest’anno, risultano deferiti anche i calciatori Cellini e Perticone ma per fatti avvenuti quando indossavano le maglie di Albinoleffe e Livorno.

Infine sotto la lente degli investigatori (ma per ora non ci sono stati deferimenti) c’è anche una partita del Modena del gennaio 2011, Modena – Siena. Secondo le intercettazioni, il presidente Mezzaroma avrebbe pagato i giocatori Perna e Tamburini per favorire la vittoria della propria squadra.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Vfgrg3pUp1s[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti