Biden ricorda la tragica giornata in cui perse moglie e figlia: “in quel momento ho pensato di togliermi la vita”

Joe Biden

Il vice presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confessato di aver pensato al suicidio.

Biden, che nel 1972 perse la prima moglie e la figlia di un anno in un incidente d’auto, si trovava nelle scorse ore ad Arlington per parlare ai familiari dei soldati caduti in guerra, a cui ha raccontato la sua esperienza con la morte. “Per la prima volta nella mia carriera, nella mia vita, ho capito che qualcuno poteva morire”, ha spiegato Biden.

“Probabilmente non dovrei dirlo con la stampa qua davanti, ma no, voi siete più importanti”, ha continuato il vice di Barack Obama. “Per la prima volta nella mia vita ho capito come una persona potesse coscientemente suicidarsi”. Biden ha spiegato come in quei giorni chiamasse i suoi familiari solo per sapere che poteva superare il lutto, poi ha ricordato esplicitamente il tragico giorno in cui perse moglie e figlia, poche settimane dopo essere stato eletto al Senato per la prima volta a 29 anni.

“Ero a Washington per assumere i membri del mio staff, quando ricevetti una telefonata che mi comunicava che la mia famiglia era rimasta coinvolta in un incidente”, ha ricordato Biden. “E come voi ho capito dal tono della telefonata, lo capisci e basta. Lo senti nelle ossa: è successo qualcosa di brutto”. A quel punto l’interlocutore disse a Biden che la moglie e la figlia erano morte. “E non sapevo se i miei ce l’avrebbero fatta”.

Con voce flebile Biden ha poi ripensato alla sua rabbia di quel giorno. “Ricordo che mentre tornavo a casa per identificare i corpi sono passato per la rotonda di Capitol Hill”, ha affermato, “mi ricordo di aver guardato verso l’alto e di aver detto a Dio che non poteva essere buono. Come poteva essere buono”. Il vice presidente ha spiegato poi di essere stato fortunato ad avere il sostegno della famiglia.

© Riproduzione Riservata

Commenti