Ecco la circolare con tutti i chiarimenti sull’imposta immobiliare voluta dal Governo Monti ai nostri danni

tutti i dettagli sull'Imu

E’ stata diramata la circolare che chiarisce tutti gli aspetti relativi all’applicazione dell’Imu, l’imposta municipale unica. Ecco chiarito chi paga, quando e come.

CHI PAGA: il proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati; il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi; l’ex coniuge affidatario della casa coniugale; il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria. E anche il concessionario nel caso di concessione di aree demaniali.

– PAGAMENTO IN TRE RATE: la prima e la seconda rata in misura ciascuna pari a un terzo dell’imposta calcolata applicando l’aliquota di base e la detrazione da corrispondere rispettivamente entro il 18 giugno e il 17 settembre (il 16 settembre cade di domenica); la terza rata è versata, entro il 17 dicembre, a saldo dell’imposta complessivamente dovuta per l’intero anno con conguaglio sulle precedenti rate.

– IN ALTERNATIVA DUE RATE: il contribuente può effettuare il versamento dell’Imu in due rate: la prima entro il 18 giugno, in misura pari al 50% dell’importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione; la seconda rata, entro il 17 dicembre, a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con conguaglio sulla prima rata.

– LE ALIQUOTE:

– IMMOBILI OLTRE PRIMA CASA – L’aliquota di base è pari a 0,76%. I comuni possono modificarla fino a 0,3 punti percentuali.

PRIMA CASA – L’aliquota per l’abitazione principale e per le relative pertinenze è pari a 0,4%; i Comuni possono aumentarla o diminuirla sino a 0,2 punti percentuali.

– ALIQUOTE AGEVOLATE: sono riconosciute sulla casa principale, al coniuge assegnatario della ex casa coniugale e se i Comuni lo prevedono all’abitazione non locata posseduta da: anziani o disabili che risiedono in istituti di ricovero o sanitario; cittadini italiani residenti all’estero. Per l’estensione delle agevolazioni previste per gli anziani e disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari, a seguito di ricovero permanente nulla e’ cambiato rispetto all’Ici.

– DETRAZIONE 200 EURO: E’ prevista per l’abitazione principale una detrazione pari a 200 euro. Se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi in egual misura e proporzionalmente al periodo per il quale la destinazione stessa si verifica.

– FIGLI FINO A 26 ANNI: La detrazione di 200 euro è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, a condizione che lo stesso dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale. La maggiorazione non può superare 400 euro e, pertanto, l’importo complessivo della detrazione e della maggiorazione non può risultare superiore a 600 euro.

– L’IMU VALE ANCHE PER: fabbricati in cui rientrano anche i fabbricati rurali a uso sia abitativo sia strumentale; aree fabbricabili; terreni in cui rientrano sia quelli agricoli sia quelli incolti.

– TAGLIO 50% BASE IMPONIBILE: scatta per i fabbricati di interesse storico o artistico, per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni.

– IMU TERRENI AGRICOLI: L’Imu è applicata anche ai terreni agricoli con un’aliquota di imposta dello 0,76%. I fabbricati rurali strumentali sono assoggettati a imposta con aliquota ridotta allo 0,2% che i Comuni possono diminuire ulteriormente fino allo 0,1%

© Riproduzione Riservata

Commenti