Passalacqua e Papale rientrati dal gemellaggio a Sunny Isles Beach Miami. L’obiettivo è il turismo superlusso

Mauro Passalacqua e Dino Papale

Un ponte diretto tra Taormina e la Florida.

Una delegazione dell’Amministrazione comunale della città del Centauro si è recata a Sunny Isles Beach Miami dove è stato siglato per l’occasione un protocollo d’intesa che ha sancito il gemellaggio tra le due località, una simbolo del turismo italiano nel mondo e l’altra che rappresenta invece il lusso per eccellenza.

In America è andato il sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, e con lui l’esperto per i Grandi Eventi del Comune, Dino Papale, (c’era anche l’imprenditore taorminese Guido Spinello) che hanno inteso creare i presupposti per dei rapporti di collaborazione tra le rispettive realtà. La delegazione taorminese, al ritorno nella Perla, ha evidenziato la grande ospitalità mostrata dagli americani.

Per l’occasione – secondo quanto è stato riferito in conferenza stampa – sono stati presi contatti con Michael Dezer, miliardario e socio del magnate Donald Trump, ricchissimo amministratore delegato della Trump Organization anche lui interessato ad iniziative con Taormina. Ed inoltre vi sono stati incontri operativi con Elena Baronoff, vice-presidente del Gruppo Trump-Dezer, ed il sindaco di Sunny Isles Beach Miami, Norman Edelcup.

L’obiettivo è quello di un interscambio che possa favorire il ritorno del turismo di lusso a Taormina ed un afflusso da queste parti soprattutto nei mesi invernali.

In autunno, inoltre, 10 studenti taorminesi potranno andare in Florida e viceversa arriveranno a Taormina altrettanti ragazzi/e da Miami. Altre forme di collaborazione potrebbero riguardare il Festival del Cinema di Taormina e in generale la cultura nella città del Centauro.

Il gemellaggio culturale, economico e turistico avverrà a Taormina l’ultima settimana di agosto e in quest’ambito sono, appunto, previsti scambi culturali,scolastici e di eventi fra le due città. Sunny Isles Beach è già gemellata con St.Tropez, ed ha avviato trattative con Monaco-Montecarlo.

Il “superlusso” made in Usa è il sogno proibito che Taormina auspica possa arrivare in termini concreti per dare nuova linfa al turismo che vive notoriamente una fase difficile legata alle congiunture internazionali.

© Riproduzione Riservata

Commenti