Kompany stende il Manchester United: City ora ad un passo dal titolo. A due turni dalla fine netto vantaggio nella differenza reti (+8), decisiva nell’arrivo in parità

Roberto Mancini

La Premier è nelle mani di Roberto Mancini. Il Manchester City vince 1-0 il derby con lo United nell’attesissimo monday night e acciuffa i Red Devils in vetta alla classifica, avendo però un netto vantaggio (+8) nella differenza reti generale che sarà decisiva in caso di arrivo in parità.

Nelle due giornate che mancano alla fine del campionato, il City giocherà in trasferta con il Newcastle e poi in casa con il Qpr, mentre lo United sarà impegnato all’Old Trafford con lo Swansea e all’ultima giornata in casa del Sunderland.

A decidere la supersfida all’Etihad Stadium (Balotelli l’ha vista tutta dalla panchina) è stato un gol nel finale del primo tempo di Kompany, bravo con un imperioso stacco di testa a beffare la sorpresa difesa dello United e il portiere spagnolo De Gea.

Ha fatto sempre la partita la squadra di Mancini, facendo quasi il doppio del possesso palla e tenendo sempre in mano il pallino del gioco. Non ha mai sofferto in difesa ed ha avuto costante predominio a centrocampo, affidandosi davanti all’inventiva di Silva, Nasri e Tevez che hanno tenuto in costante apprensione la retroguardia avversaria.

Troppo poco ha fatto, invece, lo United per rientrare in partita: pochissime le occasioni create, non pervenuto Rooney. Nervoso anche in panchina sir Alex Ferguson, che ha avuto un battibecco con Mancini nel finale dopo un intervento duro di De Jong su Welbeck. Il tecnico italiano è stato osannato dai tifosi, che hanno cantato a lungo il suo nome. In cambio potrebbero ricevere il terzo scudetto della loro storia. Quello che manca da 44 anni.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xqi0bw_manchester-city-vs-manchester-united-1-0-all-highlights-and-goals-30-04-2012-hd_sport?search_algo=1[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti