Partenopei e nerazzurri braccano la Lazio nella lotta Champions. Mascara beffa Reja a Novara, Hamsik-Cavani show a Lecce. Sneijder fa grande Stramaccioni 

Wesley Sneijder

Una volata vietata ai deboli di cuore. La Champions ora è a un niente per il Napoli: un colpo d’ala ancora, due punti dalla Lazio (uno di distanza in classifica generale, ma gli uomini di Reja stanno meglio negli scontri diretti); il Napoli la vede, la sente, la sogna.

Nel catino di “Via del Mare”, contro il Lecce, finisce 0-2. Hamsik e Cavani sigillano a modo loro: lo slovacco (al quinto del primo tempo) con un capolavoro da cineteca (girata al volo dal limite area, su punizione di Inler) ed il matador con un contropiede a campo largo ispirato da Cannavaro e chiuso con la freddezza di chi è alla centesima rete in Italia, alla trentesima stagionale, alla sessantreesima in azzurro.

La Lazio cade 2-1 a Novara. Padroni di casa in vantaggio al 35′ con un’autorete di Diakitè che devia nella propria porta un cross di Mazzarani. Il pareggio della Lazio 2′ dopo con Candreva che insacca di testa dopo una respinta di Fontana. Al 65′ annullato un gol a Kozak per fuorigioco. Al 79′ una punizione di Mascara regala i tre punti al Novara che ora sale a 28 punti, la Lazio resta ancora terza a 55 ma ora ha il fiato delle rivali sulle collo.

E attenzione perchè anche l’Inter è tornata in zona Champions. I nerazzurri hanno ritrovato un giocatore che nella stagione del triplete fu fondamentale, Sneijder. La doppietta dell’olandese ieri prima ha rimesso in linea di galleggiamento la squadra nerazzurra affondata da un iniziale colpo a sorpresa di Danilo, e poi l’ha lanciata verso il traguardo di una vittoria.

Una vittoria importante per il terzo posto, visto che l’Inter ha agganciato l’Udinese e si è sistemata alle spalle del Napoli; tre punti fondamentali per Stramaccioni che sino ad ora aveva assaporato questa soddisfazione solo in casa (due volte) rimanendo a bocca asciutta in trasferta (due pari). Ieri il giovane tecnico dell’Inter finalmente l’ha trovata, nel giorno più delicato perché questo scontro diretto potrà assumere un peso decisivo nella corsa per il raggiungimento dell’Europa più importante.

Dalla lotta per la Champions esce di fatto la Roma, che affonda e si becca le contestazioni dei tifosi. La Fiorentina invece vince e si avvicina alla salvezza. Erano vent’anni che questo risultato non usciva all’Olimpico. Un’altra serie spezzata da Luis Enrique, che con un cambio incomprensibile sull’1-1 (fuori Heinze, difensore, dentro Tallo, attaccante classe ‘92 all’esordio in serie A) ha quasi buttato via l’Europa scivolando al settimo posto.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xqdtzm_udinese-inter-1-3-all-goals-highlights-sky-sport-hd_sport?search_algo=1[/dailymotion]

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xqdjvu_lecce-napoli-0-2-auriemma-ampia-sintesi-hq-25-04-2012-napolifanstube_sport?search_algo=1[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti