Sei attacchi coordinati in diverse zone, tre a Kabul: morti 6 kamikaze. Farnesina: “non coinvolti italiani”

l'ennesimo attacco dei Talebani

I talebani hanno sferrato sei attacchi simultanei oggi in Afghanistan per inaugurare l’inizio della loro tradizionale “offensiva di primavera”, di cui tre nel cuore di Kabul che hanno preso di mira il Parlamento, un vice presidente e delle ambasciate. Altri due attacchi hanno colpito edifici governativi e un aeroporto che ospita una importante base militare della Nato in altre località dell’Afghanistan. Attaccato un centro di addestramento della polizia a Gardez, nell’est.

A fine pomeriggio, questi assalti non avevano provocato morti secondo i primi bilanci che parlano solo di alcuni feriti: il governo ha però assicurato che almeno tre dei kamikaze sono stati abbattuti a Kabul mentre altri tre sono periti facendosi saltare in aria nell’est del Paese. A inizio sera, spari ed esplosioni risuonavano ancora nel centro della città, sebbene a intermittenza ed un’intensità minore rispetto all’inizio del pomeriggio.

Tutto è cominciato verso le 14 locali con esplosioni e sparatorie nel quartiere diplomatico dove si trovano le ambasciate. Contemporaneamente, dei kamikaze muniti di giubbotti imbottiti di esplosivi tentavano di penetrare nel Parlamento ma venivano respinti dalle forze di sicurezza. I miliziani in fuga si sono asserragliati in un immobile vicino da dove hanno cominciato a sparare. Nel frattempo, in un altro quartiere, dei kamikaze occupavano un edificio adiacente ad un grande hotel appena costruito, il Kabul Star Hotel, a meno di 100 metri dall’ingresso di un complesso dove si trovano diverse ambasciate e una base della forza internazionale della Nato (Isaf). L’Isaf ha reso noto che le rappresentanze diplomatiche americana, britannica e tedesca sono state prese d’assalto ma fortunatamente senza conseguenze per il personale. Fonti della Farnesina hanno fatto sapere che nessun membro del personale dell’ambasciata è rimasto coinvolto negli attacchi.

Secondo i servizi segreti afgani, uno dei due vice presidenti del Paese, Mohammad Karim Khalili, era l’obiettivo di un gruppo di assalitori come confessato da tre miliziani che sono stati catturati. Nello stesso momento, dei kamikaze prendevano d’assalto degli edifici del governo, della polizia e una base americana nella provincia di Logar, a sud di Kabul. Poco dopo, tre kamikaze si sono fatti esplodere all’ingresso dell’aeroporto di Jalalabad, nell’est, che ospita una delle più importanti basi aeree dell’Isaf, ferendo alcune persone. Infine a Gardez, sempre nell’est, i talebani hanno attaccato un centro di addestramento della polizia, ferendo almeno quattro civili.

Gli attacchi di oggi segnano l’inizio della nostra offensiva di primavera”, ha dichiarato via telefono all’Afp, Zabihullah Mujahed, portavoce dei talebani, rivendicando tutti gli attacchi della giornata e assicurando che “numerosi kamikaze vi hanno preso parte”.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xq57mf_afghanistan-offensiva-dei-talebani-attacchi-multipli-nel-paese-kamikaze-in-azione-nella-capitale-kab_news?search_algo=1[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti