Forti scosse e paura nel capoluogo siciliano. La gente in strada. Evacuata la sede della Regione, chiuse le scuole

momenti di paura a Palermo

Paura a Palermo per un improvviso sciame sismico. Una scossa di terremoto di 4.3 gradi di magnitudo della scala Richter ha interessato venerdì il capoluogo siciliano.  

La terra, alle 8.20, ha tremato per alcuni secondi e il sisma è stato percepito dalla popolazione. Gli studiosi dell’Ingv hanno rilevato l’epicentro a 30 chilometri a Nord Ovest di Palermo, esattamente tra l’isola di Ustica e la cittadina di Carini ad una profondità di 15 chilometri.

Una seconda scossa di magnitudo 2.4 è stata rilevata alle 8.44 e localizzata nella stezza zona della prima scossa, a una profondità di circa 10 chilometri. e successivamente, alle 9.15 circa, un’altra scossa di assestamento di magnitudo 2.9 e profondità 6 chilometri con epicentro in Isola delle Femmine. Centinaia di telefonate al centralino dei vigili del fuoco e tanta paura.

Secondo quanto viene riportato sui scoial network molte persone sono scese per strada e diverse scuole hanno sospese le lezioni. A piazza Alberigo Gentili, in pieno centro, punto di raccolta degli studenti che frequentano gli istituti scolastici della zona.

A seguito proprio delle scorsse avvenute a Palermo e nell’hinterland, è stato evacuato Palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione siciliana. È in corso una verifica da parte dei tecnici per verificare l’entità dei danni riportati dall’edificio dopo il terremoto.

Tutte le scuole della città e della provincia sono state, intanto, chiuse. I sindaci hanno emesso ordinanze per tenere chiusi gli edifici scolastici, di comune accordo con i dirigenti scolastici.

Il primo cittadino di Terrasini, Massimo Cucinella, ha disposto la sospensione delle lezioni, a scopo precauzionale, anche per la giornata di sabato.

La prima scossa è stata avvertita anche nel trapanese.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=b8hKugQwxnY&feature=player_embedded[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti