L’antagonista di Mitt Romney nella corsa alla Casa Bianca si ritirerà per stare vicino alla sua bimba di 3 anni, sofferente per una rarissima malattia genetica

Rick Santorum

Un dramma scuote la corsa alle presidenziali 2012 negli Stati Uniti.

Rick Santorum, il candidato ultraconservatore alla nomination repubblicana per la Casa Bianca, sarà con molta probabilità costretto a lasciare la competizione a causa delle condizioni di salute di sua figlia.

La piccola Bella, 3 anni, è gravemente malata. Soffre di una rara anomalia cromosomica, la trisomia 18 o sindrome di Edwards, e secondo i media è in fin di vita. Santorum sta quindi decidendo se proseguire o meno la campagna elettorale.

Isabella Santorum è nata con la sindrome di Edwards, una malattia che ne ritarda pesantemente lo sviluppo cerebrale. Generalmente chi ne soffre muore entro il primo anno di vita. Santorum, un cattolico, è un ex senatore della Pennsylvania ed è al secondo posto della corsa repubblicana in vista della nomination.

Bella era già stata ricoverata in clinica a fine gennaio per una polmonite, spingendo il padre a prendere una pausa dai dibattiti per starle vicino, quindi aveva avuto un recupero miracoloso.

Adesso però è sopraggiunta una nuova crisi, di cui ancora non è chiara la causa. E Santorum, che sta affrontando con grande coraggio e tanta dignità il dramma, è pronto a lasciare tutti i suoi progetti e accantonare il sogno della presidenza. Bella conta più di qualunque altra cosa.

“Santo” come lo chiama la stampa Usa, è nettamente dietro all’ex Governatore del Massachusetts Mitt Romney, l’ormai più che probabile avversario del presidente degli Stati Uniti Barack Obama alle presidenziali del 6 novembre.

Si attribuisce a Santorum l’intenzione di lasciare la gara dopo le primarie in Pennsylvania del 24 aprile, per le quali è favorito, visto che gioca in casa. Adesso lo attende la sfida più grande e difficile: quella per la vita di sua figlia.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=U6NJvxzTI3Q[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti