Confermate le indiscrezioni, la giornalista lascia il Tg5 e raggiunge la sorella. Enrico Mentana: “l’offerta che le hanno fatto è per un suo programma pomeridiano”

Cristina Parodi

Cristina Parodi, volto storico del Tg5, sta per lasciare Mediaset e approdare a La7. La notizia non è ufficiale, nessuno conferma nessuno smentisce, ma è sicura. Alla firma del contratto mancano solo i dettagli, ma è certo che da settembre La7 acquisterà un nuovo volto giornalistico prestigioso.

L’ormai ex giornalista del Tg5 non andrà, come sospettava qualcuno, a far coppia con la sorella Benedetta già popolare conduttrice addetta a fornelli e padelle. Nè subentrerà a Enrico Mentana nella conduzione del Tg della 7 – nonostante Mentana sia costretto a un tour de force estenuante per mancanza di ricambi sufficientemente noti.

La Parodi condurrà invece un programma tutto suo, nel pomeriggio di La7, molto simile al primo “Verissimo”: molte chiacchiere, molti sorrisi, servizi esterni, giornalismo leggero perfetto per la digestione. Lo ha confermato lo stesso Mentana: “So che l’offerta fatta da La7 alla Parodi è quella di un suo programma pomeridiano, non riguarda nè un programma con la sorella nè nel tg”. In questo modo La7 arricchisce la collezione di figurine strappandone un’altra alla concorrenza, confermando così il profilo di una rete che non inventa nulla ma accoglie a braccia aperte gli scontenti (tranne Santoro).

Di sicuro Cristina Parodi è sempre rimasta molto legata al primo “Verissimo”, che considerava una propria creatura e che, a onore della verità, ebbe uno straordinario successo. La trasmissione venne in seguito a poco a poco snaturata e la Parodi venne restituita alla destinazione di origine, cioè il Tg5. A nessuno piace rientrare nella casella da cui era partito. Con la creazione della struttura del TgCom, che in pratica ha assorbito gran parte delle forze giornalistiche di Mediaset, il ruolo dei conduttori storici è stato ulteriormente ridimensionato.

E’ probabile dunque che Cristina abbia cercato una nuova opportunità professionale che le desse una diversa visibilità – la7 è ormai considerata la rete della sinistra snob, una specie di Raitré ma più engagée. Oltre, naturalmente, a uno stipendio forse più soddisfacente.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QLH1mGb35Ho[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti