Alta Corte del Coni respinge il ricorso dell’ex Dg e l’ex Ad Juve contro i primi due organi di giustizia sportiva

Luciano Moggi

Nessun ribaltamento della situazione sul fronte Calciopoli. L’Alta Corte di Giustizia del Coni ha confermato la sentenza di radiazione per Luciano Moggi, Antonio Giraudo e Innocenzo Mazzini.

Gli ex direttore generale e amministratore delegato della Juve e l’ex vicepresidente della Figc avevano presentato ricorso contro le decisioni dei primi due organi di giustizia sportiva.

Antonio Giraudo impugnerà in sede europea, oltre che nazionale, la sentenza di radiazione emessa oggi dall’Alta Corte di Giustizia del Coni. Lo annunciano i suoi legali, avv. Massimo Krogh e Andrea Galasso. “La giustizia – afferma l’avv. Krogh – talvolta antepone le strategie dello Sport al diritto. Questa radiazione, conseguenza automatica di una discutibile decisione risalente ad oltre cinque anni fa, a mio avviso è fuori dalla logica oltrechè lesiva di diritti primari della persona”.

“Il ricorso contro la radiazione che sarà tempestivamente promosso in tutte le competenti sedi degli ordinamenti nazionali e sovranazionali, notoriamente insensibili ai venti del palazzo – aggiunge l’avv. Galasso – restituirà ad Antonio Giraudo la fiducia nella civiltà del diritto tradita dalla giustizia sportiva. E la richiesta di danni morali e materiali – conclude Galasso – sarà commisurata alla gravità dell’ingiustizia sofferta”.

© Riproduzione Riservata

Commenti