L’ex campionissimo della Lazio si è spento in Florida a 65 anni, era stato colto nei giorni scorsi da una crisi cardiaca. Ha giocato nei Cosmos NY al fianco di Pelè

Giorgio Chinaglia

Il calcio italiano è in lutto. Si è spento all’età di 65 anni è morto Giorgio Chinaglia, indimenticata bandiera della Lazio.

L’ex attaccante è deceduto nella sua casa in Florida dopo una crisi cardiaca. Chinaglia era già stato ricoverato venerdì scorso per problemi che sembrava aver superato.

Chinaglia, nato a Carrara il 24 gennaio 1947, è stato l’artefice, con 24 gol segnati, del primo storico scudetto della Lazio nel 1974.

Poi decise di trasferirsi in America e passò ai Cosmos di New York, dove giocò al fianco del leggendario Pelé.

Grande attaccante ma anche anche persona che non amava la banalità e le affermazioni di comodo, Chinaglia è stato un uomo generoso, carismatico e leale. Un personaggio del calcio italiano anche dopo il suo addio ai campi da gioco.

E’ stato a lungo opinionista di trasmissioni sportive ed è rimasto, dunque, in quel mondo che a lungo lo aveva visto straordinario protagonista. Il suo sogno “proibito” era quello di acquistare la Lazio e questo suo desiderio gli ha anche causato problemi con la giustizia.

Lo chiamavano “Long John” o “Giorgione”. Tanti sportivi lo ricorderanno per sempre con immenso affetto. Addio Chinaglia.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6NvZIjTjwUc[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti