Ai ragazzi con difficoltà economiche verranno fornite senza costi per dedicarsi alle proprie attività preferite

Oscar Pistorius

Prosolidar, fondo nazionale per i progetti di solidarietà, insieme alla Regione Campania ha avvitato un interessante progetto che dà un importante aiuto e un significativo sostegno ai ragazzi disabili che, a causa di problemi economici, non possono dedicarsi ad attività sportive.

L’iniziativa prevede che ai giovani inabili vengano regalate delle protesi adatte allo sport che, altrimenti, non avrebbero mai potuto acquistare a causa degli elevati prezzi di mercato. Una protesi specifica, infatti, costa dai 15 ai 20 mila euro: somme di certo non alla portata di tutti, soprattutto per quei nuclei familiari in cui è presente un componente disabile che ha già bisogno di cure specifiche e di assistenza, con conseguenti costi che incidono non poco sul budget familiare.

In totale, vengono messe a disposizione 20 protesi per camminare e 20 per correre, due per ogni giovane sportivo. Il progetto, seppur ambizioso e degno di nota, pare abbia finora poche adesioni. A denunciare la situazione Neil Andrew Macleod con l’Associazione sportivi disabili Vesuvio. Come lui stesso sostiene, “Stranamente in altre regioni siamo riusciti a trovare subito le persone, in Campania abbiamo avuto difficoltà.

In Campania l’incidenza delle amputazioni è orientata soprattutto sulle persone che hanno problemi di diabete, trovare giovani è più complicato, però ce ne sono. È un problema è di comunicazione e che si tende a nascondere la disabilità“. La ricerca si concentra su un target di disabili che va dai 15 ai 35 anni: giovani, dunque, che siano motivati e interessati a instaurare nuove amicizie, grazie all’aiuto del mondo dello sport.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xposq7_campania-protesi-gratis-ai-ragazzi-disabili-che-amano-lo-sport-progetto-di-prosolidar-e-regione-per_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti