Per la finale di Coppa Italia del 20 maggio all’Olimpico di Roma attesi 40 mila napoletani e 30 mila bianconeri

lo stadio Olimpico di Roma si prepara alla finale di Coppa Italia del 20 maggio

Come una finale di Champions League: Juventus Napoli è iniziata. Roma, 20 maggio 2012, l’appuntamento con la storia è scritto sul calendario e ben impresso nella mente dei tifosi come un lungo e snervante countdown già scattato.  

A due mesi dalla finalissima di Coppa Italia del 20 maggio l’Italia calcistica si mobilita per l’atto conclusivo della Coppa di Lega, che sarà il più atteso di sempre.

Corsa contro il tempo e sfida totale tra le due opposte tifoserie per accaparrarsi i 72 mila posti disponibili allo stadio Olimpico di Roma. La marcia verso la capitale è virtualmente partita sin dal triplice fischio delle gare vinte contro Milan e Siena.

Ad entrambe le società verranno assegnati 30 mila biglietti ma, secondo le prime stime, si va soprattutto verso un’invasione senza precedenti dei tifosi napoletani, pronti a un esodo biblico senza precedenti e attesi all’Olimpico in 40 mila circa da tutta Italia. Circa 30 mila saranno invece i sostenitori bianconeri. In tanti, da una parte e dall’altra arriveranno da Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Svizzera e chi persino dagli Stati Uniti.

Per l’occasione tornerà in Italia (fisco permettendo) anche Diego Armando Maradona, che ha già annunciato di voler essere a tutti i costi allo stadio al fianco del popolo partenopeo.

Dunque una marea di tifosi prepara l”invasione pacifica per raggiungere Roma ed assistere alla finale che segna il ritorno delle loro squadre in una finale. L’ultima volta che le contendenti si sono giocate una finale riguarda sempre la Coppa Italia e risale al 2002 per la Juve (sconfitta dal Parma) e il 1997 per il Napoli (battuto dal Vicenza).

La partita è organizzata dalla Lega di serie A che nelle scorse ore ha tenuto già la prima riunione allo stadio Olimpico. Presente, per il Calcio Napoli, il dg Marco Fassone: con lui, per la Lega calcio, il dg Marco Brunelli e il marketing director Fabio Santoro, per il Coni il dirigente Nepi e il capo comunicazione Danilo Di Tommaso, il dg Giuseppe Marotta per la Juventus.

I biglietti saranno in vendita esclusivamente presso le ricevitorie Lottomatica (non dunque ai botteghini degli stadi) e online su Listicket a partire dal 2 aprile. Sarà garantito un diritto di prelazione per i possessori della tessera del tifoso, che non è tuttavia condizione necessaria per acquistare i tagliandi.

Prezzi in netto aumento rispetto allo scorso anno: si va dai 30 euro per le curve ai 130 per le tribune. Ai tifosi del Napoli saranno riservati la curva Nord, distinti Nord e Tribuna Monte Mario lato nord, a quelli bianconeri i corrispondenti posti della Sud.

Stamane si è tenuta la prima riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza: Questura e Lega Calcio decideranno l’imponente servizio di sicurezza (saranno utilizzati gli steward che la Roma coordinerà).

C’è una storica rivalità tra le tifoserie e servirà la massima attenzione delle Forze dell’Ordine. Juve contro Napoli è da sempre la “madre” di tutte le partite, anche se molti napoletani avrebbero voluto affrontare a Roma il Milan di Berlusconi. Quella del 20 maggio sarà inevitabilmente una battaglia calcistica con il sapore del confronto-scontro tra Nord e Sud.  

“Sono certo che sará una grande festa per i calcio italiano – ha detto a Radio Marte il presidente della Lega Maurizio Beretta -, dovrà essere un successo anche sugli spalti. Ci sono tutte le premesse per una indimenticabile festa di calcio”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=v4vGVenqK14[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti