Nelle mani dei rapitori dal 22 ottobre ma non c’è ancora una svolta sul suo destino. Oggi un altro blogging day

Rossella Urru

Sembrava prossima alla liberazione ma il suo ritorno a casa non c’è stato, almeno sino ad ora. La speranza non tramonta e il suo compleanno è il giorno in tanti italiani, ovunque, si stringono simbolicamente attorno a Rossella Urru.

In rete resta sempre alta la mobilitazione per la liberazione di Rossella Urru, la cooperante di Samugheo (Oristano) rapita da un gruppo terroristico nel sud dell’Algeria la notte tra il 22 e il 23 ottobre e che oggi compie 30 anni. Per l’occasione scattera’ un nuovo “blogging day”, una giornata in cui i blogger e chi ha profili sui social network potranno pubblicare un post sulla giovane sarda, com’e’ gia’ avvenuto il 29 febbraio.

Intanto si moltiplicano le iniziative a sostegno di Rossella.”Rossella Urru libera” è scritto su uno striscione bianco di oltre 20 metri per due, che da ieri campeggia sulla facciata del palazzo del Consiglio regionale della Sardegna, su iniziativa della Presidenza del Consiglio. Sopra lo striscione una foto della cooperante di Samugheo.

In Lombardia ha comunicato l’adesione l’assessore regionale di origine sarda Stefano Maullu attraverso i profili Facebook e Twitter. “Rossella è un simbolo della voglia di pace e di cooperazione tra i popoli”, sottolinea Maullu. Occorre tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica su Rossella. Ben vengano iniziative di questo tipo”, aggiunge in riferimento al blogging day.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=GQjQQ0fpWE0[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti