A Stamford Bridge non basta la prodezza di Inler: dopo 120 minuti di battaglia si qualifica 4-1 il Chelsea

la delusione di Edinson Cavani

Un vero peccato. Con l’onore delle armi. Il Napoli saluta la Champions League. Il sogno dei quarti è svanito a Stamford Bridge contro un Chelsea, esperto, smaliziato e possente che vince 4-1. Il gol di Inler – che vale il momentaneo 2-1 – non basta a blindare la qualificazione, i Blues rimontano ai supplementari la sconfitta del San Paolo e vanno avanti.

Beffa atroce e serata amara per i 5 mila tifosi italiani che hanno gremito le tribune dello Stamford Bridge e altrettanti rimasti fuori.

Eppure il Napoli ha coraggio in avvio. Cinque minuti con un po’ di timore reverenziale, ma la parata di De Sanctis su Sturridge sveglia gli azzurri. Il Chelsea – del resto – lascia spazi e sfruttarli diventa quasi un imperativo per una squadra che si esalta a folle velocità. Manca – però – il giusto cinismo per passare in vantaggio. Ci provano Hamsik, Cavani, Lavezzi e Zuniga.

Sfortuna ed imprecisione tengono il risultato inchiodato. I Blues rallentano e provano a sfruttare l’esperienza. Maggio – tra i migliori – si fa male e gli inglesi colpiscono proprio dal suo lato al 28’: cross perfetto di Sturridge per Drogba che fa 1-0. Cavani ha subito una reazione rabbiosa, ma nel finale di tempo è ancora il Chelsea a rendersi pericoloso con Essiene e con David Luiz al 46’, provvidenziale il salvataggio di Cannavaro. La ripresa regala subito emozioni. Il Chelsea trova il 2-0 su colpo di testa di Terry che sfrutta un calcio d’angolo che Campagnaro concede generosamente. Lo schiaffo sveglia il Napoli che reagisce immediatamente. Inler è l’uomo dei gol decisivi. Destro da fuori area e partita riaperta. Commoventi le scene di esultanza nella tribuna azzurra e lo stadio dei blues si trasforma incredibilmente in un altro San Paolo dove si levano alti i cori del tifo partenopeo. Ma gli azzurri si abbassano nuovamente e concedono troppo spazio.

De Sanctis è provvidenziale su Ivanovic e Drogba, Zuniga ha la palla del 2-2: tutto solo in area, dopo il tacco di Cavani, si fa ipnotizzare. Il Chelsea non perdona. Al 30’ fallo di mano di Dossena. Rigore. Lampard fa 3-1. Proprio come all’andata. Il Napoli ha solo un sussulto nel finale con Gargano, ma soffre tanto. Si va ai supplementari. Il Napoli sta meglio, il Chelsea – però – è cinico e trova il 4-1 con Ivanovic proprio sul finire del primo supplementare. Mazzarri si gioca le carte Pandev e Vargas alla ricerca di un gol, ma non basta. Finisce così.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xpgb32_chelsea-napoli-4-1_sport[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti