Al regista verrà offerto il coordinamento artistico per la Musica: transazione del contratto e compenso ridotto?

Aida al Teatro Antico

Vertice del Comitato ieri a Messina per la programmazione artistica 2012 di Taormina Arte. Mauro Passalacqua (sindaco di Taormina), Nanni Ricevuto (presidente della Provincia) e Giuseppe Buzzanca (sindaco di Messina) si sono incontrati a Palazzo dei Leoni per fare il punto della situazione.

Nel summit si è parlato della necessità di stringere i tempi per il cartellone artistico e si è evidenziata l’altrettanto impellente esigenza di fare definitiva chiarezza sul caso riguardante Enrico Castiglione, il regista che dal 2007 in poi ha diretto la sezione Musica e Danza di TaoArte e da diverse settimane al centro di un braccio di ferro con il comitato sulla sua posizione contrattuale.

Nei giorni recenti, proprio quando il legale di Castiglione, aveva di fatto annunciato l’imminente avvio di un contenzioso per il mancato riconoscimento dei diritti contrattuali, ci sono stati segnali di riavvicinamento.

Un incontro, lontano dai riflettori, è avvenuto la scorsa settimana a Messina tra Castiglione, Passalacqua e Ricevuto: un faccia a faccia voluto proprio dal presidente della Provincia di Messina per “stemperare” le tensioni sorte tra l’artista e il sindaco di Taormina. Il Comitato avrebbe deciso di proporre a Castiglione un incarico di coordinamento artistico della sezione Musica e Danza per la stagione che verrà.

Il Comitato, come già deliberato nella seduta del 9 gennaio, non intende nominare direttori artistici: si pensa a figure di “coordinamento”. La presenza di Castiglione, a quanto pare, non escluderebbe tuttavia altre presenze e lo stesso discorso sarebbe in essere per le altre due sezioni ancora in attesa di decisioni, ovvero il Teatro e soprattutto il Cinema, per il quale c’è da preparare il Festival, che è l’appuntamento più vicino in agenda, a giugno.

Taormina Arte cerca “collaborazioni sponsorizzate”, con “spettacoli proposti e supportati da sponsor privati”. Un tentativo, insomma, di ridurre o “azzerare” le spese. Il Comitato incaricherà altresì adesso un legale di propria fiducia per seguire alcuni aspetti attinenti gli accordi da stipulare, dando allo stesso anche mandato di confrontarsi con l’avvocato Luigi Fortunato, legale di Castiglione.

Al regista, secondo le indiscrezioni di queste ore, verrebbe proposta una transazione che può ipotizzare l’annullamento del precedente accordo contrattuale con un contestuale incarico di coordinamento, ridiscutendo sia i termini economici dell’intesa sul compenso sia il budget a disposizione. TaoArte intenderebbe tagliare le spese.

A questo punto si attende anche quella che sarà la risposta di Castiglione. Se accetterà la proposta del Comitato le polemiche verranno archiviate, mentre diversamente tornerebbe, giocoforza, d’attualità l’eventualità di un contenzioso. Un “sì” o un “no” saranno lo spartiacque che può rappresentare l’effetto domino, e che al momento è una spada di damocle, sull’estate artistica nella città del Centauro.

© Riproduzione Riservata

Commenti