Consumi alimentari, bevande e tabacco in calo. Dato su crescita retribuzioni è il più basso degli ultimi anni

consumi delle famiglie in forte calo

I consumi di prodotti alimentari, bevande e tabacco sono in calo dell’1,5% a prezzi costanti.

Lo segnala un rapporto Intesa Sanpaolo sui consumi delle famiglie italiane, affermando che in termini di spesa procapite il dato 2011 riporta i livelli indietro di quasi 30 anni.

La crescita registrata dall’Istat nella media del 2011 per le retribuzioni lorde (per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno), nel complesso dell’industria e dei servizi (+2,2%) è uno dei valori più bassi degli ultimi anni, che eguaglia i minimi del 2009, quando si verificò un effetto di rimbalzo negativo sull’anno precedente (legato a una concentrazione di rinnovi contrattuali) e del 2007. Si tratta di uno dei peggiori dati degli anni più recenti.

L’Italia è in recessione tecnica: per il secondo trimestre consecutivo il Pil è infatti in calo congiunturale. L’Istat rileva per il quarto trimestre 2011 un calo dello 0,7% mentre nel terzo aveva segnato un -0,2%.

Nel IV trimestre il Pil è sceso dello 0,7% rispetto al trimestre precedente. L’Istat aggiunge che rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno il prodotto interno lordo è calato dello 0,4%. Rivisto al rialzo il Prodotto interno lordo del 2011, cresciuto dello 0,5% rispetto a una stima preliminare del +0,4%.

© Riproduzione Riservata

Commenti