Raffiche di vento e pioggia lungo il versante orientale: stavolta è un’ondata di maltempo che fa davvero paura

il ciclone Athos è arrivato in Sicilia

Athos è arrivato. Ore di paura in Sicilia. Un’ondata di maltempo sta investendo il versante orientale dell’isola, dove scuole e uffici pubblici sono rimasti oggi chiusi in diversi comuni, tra cui Catania, Acireale, Messina e Siracusa.

Il ciclone Mediterraneo battezzato con il nome Athos dai previsori del Centro Meteo Siciliano sta apportando marcate condizioni di instabilità atmosferica: precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale e forti venti di Grecale stanno interessando la regione. Prestare quindi la massima attenzione sulle province orientali ove è elevato il rischio di nubrifragi; in queste aree è vivamente sconsigliato mettersi in viaggio ove non fosse strettamente necessario.

Proprio nell’area aretusea è scattato l’allarme per una petroliera incagliata a pochi metri dalla costa. La nave non è carica di greggio e l’equipaggio è in buone condizioni.

A Catania il forte vento, nella notte, ha addirittura divelto un chiosco, adibito a rivendita di bibite. La struttura è finita lungo i binari della Circumetnea. Danni e disagi in diversi comuni.

Scuole chiuse e disagi anche nel ragusano dove, a Modica, le raffiche di vento fino a 100 chilometri orari, hanno divelto cartelloni pubblicitari e spinto sulla strade i cassonetti della spazzatura. In contrada Quartarella, in territorio di Modica, un capannone è stato interamente scoperchiato dal vento, mentre a Pozzallo, nella notta, nei pressi del porto, un palo della luce si è abbattuto andando a finire sopra un’autovetture. A Scicli i danni maggiori sono stati causati da alcuni massi che si sono staccati da un costone roccioso andando a finire in strada distruggendo un garage.

Situazione difficile anche nel nisseno, a Gela, i calcinacci staccatisi da un edificio hanno danneggiato alcune auto mentre nel quartiere “Macchitella” grossi arbusti hanno invaso la carreggiata.

Ieri era stato diramato l’allerta meteo diramata dalla Protezione civile regionale in cui veniva anche dichiarato il preallarme ritenendo ad ‘elevata criticità’ per rischio idrogeologico le zone A-F-G-H-I del territorio regionale, cioè tutta l’area orientale della Sicilia. Fase di attenzione “moderata criticità” è prevista sulle zone B-C-D-E del territorio regionale, per le quali viene dichiarata la fase di «attenzione».

Per maggiori informazioni ed aggiornamenti in tempo reale è possibile consultare la sezione Meteo di Blogtaormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti