Rosanero inesistenti, il bomber fa tris: finisce 4-0, segna anche Thiago. La squadra di Allegri allunga sulla Juve

Zlatan Ibrahimovic

Una tripletta di Zlatan Ibrahimovic in 14 minuti, al 21′ al 31′ e al 35′ stende il Palermo al “Barbera” e regala una vittoria preziosa al Milan, che si impone 4-0.

Non c’è storia in campo e i 90 minuti sono solo per le statistiche. L’attaccante svedese aggancia Di Natale in testa alla classifica dei capocannonieri a 18 e lancia il Milan a quota 54 in classifica. Dopo aver scontato i tre turni di squalifica per lo schiaffo ad Aronica, Ibrahimovic ha sfogato tutta la sua rabbia per aver saltato il big-match con la Juve e ha fatto vedere quanto è fondamentale la sua presenza, anche se poi i numeri dicono che il Milan vince tanto anche senza di lui. Certo dalla sua parte ha avuto anche la difesa del Palermo, molto allegra e poco concentrata.

Le dichiarazioni alla vigilia del presidente Zamparini: “Al 95% perdiamo”, sicuramente non hanno contribuito a caricare la squadra. Il Milan si è presentato dalle parti di Viviano con estrema facilità sin dal primo minuto. Solo l’imprecisione dei rossoneri sottoporta aveva tenuto il risultato sullo 0-0, ma dopo sei minuti si contavano già molti tiri verso la porta del Palermo.

A differenza dei suoi compagni, Ibra è stato preciso come un cecchino. Il primo pallone calciato verso la porta lo ha indirizzato con potenza e precisione dove Viviano non poteva arrivare, e così anche il secondo e il terzo. Partita chiusa dopo 36 minuti di gioco con un solo protagonista. Allegri voleva chiudere con una bella vittoria il capitolo Milan-Juve e rilanciare con forza la volata scudetto dopo le tensioni e le polemiche che si era trascinato dietro lo scontro diretto.

Il tecnico livornese è stato accontentato dal suo uomo più importante, che nel finale di primo tempo si è visto negare il quarto gol da un grande intervento di Viviano. Ma del resto il tecnico rossonero lo sapeva e lo aveva detto: “Dal match con la Juve siamo usciti più forti”. sicuramente e carico a mille anche lui, che nel secondo tempo si è sgolato dalla panchina per richiamare la concentrazione dei suoi giocatori, colpevoli di troppi errori di distrazione a centrocampo sul 4-0.

Nella ripresa il Palermo non ha dato segni di risveglio e Thiago Silva ha messo il risultato in cassaforte (anche se già non era in discussione) segnando il gol del 4-0 al 59′. Barreto ha provato a rendere meno amara la sconfitta, ma davanti ad Abbiati ha centrato il palo. Miccoli ha cercato di penetrare nella difesa del Milan con continui movimenti sin dall’inizio, oggi però non era proprio la giornata del Palermo e i compagni non l’hanno assistito.

Allegri conquista la sua prima vittoria al Barbera da allenatore del Milan e ora può andare con serenità a chiudere la qualificazione ai quarti di Champions League, a Londra contro l’Arsenal, forte di un rotondo 4-0 maturato in casa all’andata. Volendo, il tecnico rossonero potrebbe anche concedersi il lusso di far riposare Ibra.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xp7afg_palermo-vs-ac-milan-0-4-all-goals-and-highlights-03-03-2012_sport[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti