Passalacqua alla Bit di Milano: “nessuna querelle con Castiglione ma il suo contratto è terminato nel 2011” 

i "due volti" di Mauro Passalacqua su TaoArte

“Smentisco che “Taormina Arte” non avrà direttori artistici e tengo invece a puntualizzare che chi ricoprirà tale incarico dovrà farlo con la piena consapevolezza che i termini del contratto avranno caratteristiche lontane e dissimili, almeno per un periodo di tempo di un anno, dai canoni economici, elargiti e corrisposti da Taormina Arte e preventivamene usati nelle passate stagioni, sposando così la causa alta e nobile dell’arte”. Lo ha dichiarato ieri il sindaco di Taormina e presidente del Comitato TaoArte, Mauro Passalacqua.

Si tratta di affermazioni – testualmente riportate da “Reggio Tv” – che, per forza di cose, appaiono clamorose. Perlomeno sorprendenti, visto che lo stesso Passalacqua in queste settimane – nel premettere che “i contratti sono scaduti” – aveva, a più riprese e da più parti, pubblicamente affermato che “non verranno nominati direttori artistici”.

Passalacqua smentisce Passalacqua? L’interrogativo sorge spontaneo. E allora, non volendo risentire da qualche parte che magari sui direttori c’è stata in precedenza una posizione “travisata”, “male interpretata” o “strumentalizzata”,  diciamo che è subentrato o semplicemente un cambio di rotta nelle strategie, maturato in terra meneghina forse anche a seguito di un colloquio con Ricevuto.

Non è un mistero che il presidente della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto, in queste ore, sia in forte pressing per mediare le situazioni contrastanti del periodo recente.

Dalla Bit di Milano arriva, insomma, l’ennesimo ribaltamento di fronte e segnali “distensivi” del Comitato Taormina Arte nelle schermaglie sulla programmazione della stagione 2012 e l’attesa decisione su chi poi guiderà le sezioni artistiche. All’appuntamento di ieri a Rho-Milano si sono trovati proprio Passalacqua e Ricevuto.

“Non esiste nessuna querelle tra me ed il maestro Enrico Castiglione – fa sapere Passalacqua – anzi mi preme sottolineare che, in tal senso, la sua collaborazione, per ciò che concerne il periodo in cui è stato direttore artistico a “TaoaArte”, è stata positiva, bella, proficua ed esaltante.

Non dipende da nessun’altra motivazione, o causa, il fatto che il suo contratto non sia tutt’ora più posto in essere, ma solo ed esclusivamente dal fatto che tale vincolo è scaduto il 15 Settembre dello scorso anno. E’ vero inoltre che vi è stata anche la volontà di volerlo rinnovare, a conferma che l’attuale attacco mediatico cui sono sottoposto è di natura ingiustificabile”.

Le parole di Passalacqua scrivono un altro capitolo nelle turbolente giornate del caso TaoArte, e in una vicenda che concerne molteplici aspetti: la previsione del cartellone e quindi la programmazione, nonché l’aspetto dell’entourage di “TaoArte 2012” con particolare riferimento alle direzioni artistiche. Sinora il Comitato aveva fatto sapere che non ci sarebbero state, per quest’anno, direttori: da Milano sembra aprirsi un’altra prospettiva. Potrebbero cioè essere nominati dei direttori ma con delle condizioni differenti rispetto ai rapporti in questi anni posti in essere.

“E’ da ricondurre alla razionalizzazione delle spese nei confronti del nostro Ente – ha detto il primo cittadino di Taormina – un milione di Euro in meno in tre anni, la causa principale che sta scatenando effetti concreti e repentini , che nostro malgrado porteranno a variazioni per ciò che riguarda l’erogazione dei compensi economici nei confronti dei 3 Direttori Artistici di TaoArte. Siamo in presenza di un finanziamento della Regione che nel 2008 era di 3 milioni e mezzo di Euro e attualmente è sceso a 2 milioni 581 mila”.

Alla Bit non c’è stata la presentazione del cartellone e un quadro più preciso lo si avrà nei prossimi giorni, ma Passalacqua ha annunciato intanto la presenza di Sting. La popstar britannica sarà in concerto al Teatro Antico nell’ambito degli spettacoli che proporrà quest’estate TaoArte.

Infine, il caso Castiglione e le vicende di TaoArte approderanno nei prossimi giorni in Consiglio comunale a Taormina, dove il consigliere Salvo Cilona ha presentato un odg urgente esprimendo forte preoccupazione sull’incertezza che caratterizza “una rassegna che è da ritenersi patrimonio non solo della nostra città, ma di tutta la Sicilia per la sua alta vocazione artistica e culturale di livello internazionale”. Un’iniziativa che però il sindaco non ha gradito.

“Mi dispiace molto – ha detto Passalacqua – si sia arrivati al punto di richiedere una interrogazione in Consiglio sull’attuale situazione. E’ un’interrogazione poco pertinente in quanto di arte trattasi e non di politica. Non è con l’oppressione mediatica e politica che si risolvono situazioni come questa.”

© Riproduzione Riservata

Commenti