Passalacqua: “né Sgarbi, né Castiglione. Venerdì alla Bit presentiamo il programma. Solo eventi con sponsor”

Mauro Passalacqua ed Enrico Castiglione

“Non ci saranno direttori artistici in questa stagione ma avremo un programma all’altezza, senza alcun ridimensionamento nella qualità del cartellone”. Così il sindaco di Taormina, e presidente del Comitato TaoArte, Mauro Passalacqua ribadisce ufficialmente la linea annunciata dai vertici dell’ente lo scorso gennaio.

“Restiamo aperti a tutti – afferma Passalacqua in una intervista rilasciata alla Gazzetta del Sud – ma intendo confermare che non faremo nomine. Puntiamo agli stessi risultati importanti degli anni scorsi ma stavolta senza dover sostenere il peso dei compensi per i direttori artistici. Ci sono state tante proposte per i vari spettacoli da mettere in calendario, e altre idee ancora potranno arrivarci, tuttavia, dovranno essere eventi che non abbiamo un costo per l’ente e dunque supportati economicamente da sponsor”.

In questi giorni si è parlato di una possibile nomina (proposta dall’Udc) di Elisabetta Sgarbi, come direttore unico delle tre sezioni di TaoArte.

E soprattutto continua a tenere banco la querelle sul contratto di Enrico Castiglione, che dal 2007 ha ricoperto il ruolo di direttore artistico della “Musica e Danza”. Il regista sostiene di avere un contratto valido anche per il 2012, mentre il Comitato lo ritiene scaduto il 15 settembre 2011.

“Abbiamo già avuto modo di dire – afferma Passalacqua – che i contratti sono scaduti e che non ci sono direttori in carica. Castiglione sta dando luogo a questa polemica personale, fatta di attacchi contri di me, e ciò mi dispiace. Insieme abbiamo lavorato bene, gli abbiamo sempre dato “carta bianca” ma lui continua a scaricare colpe ingiuste e infondate su di me, forse anche vista la “latitanza” di altri”.

“Noi abbiamo già previsto un programma che sarà presentato venerdì alla Bit di Milano. Si possono ancora trovare degli spazi per alcune proposte di Castiglione, se vorrà farle autonomamente e lo riterrà opportuno, senza alcuna spesa per TaoArte. Questo a conferma che non c’e mai stata nessuna chiusura verso di lui. E’ passato forse un messaggio sbagliato sulla nostra linea. Non faremo nomine ma i programmi saranno di alto livello. Tutti i cosidetti “amanti di Taormina”, per un anno potranno venire qui a costo zero e con spettacoli autofinanziati. Il finanziamento di TaoArte è sceso nel tempo da 3,5 milioni a 3,3, poi 2,8 e ora 2,5 milioni. La nostra è una scelta morale”.

Poi il “no” alla Sgarbi: “Elisabetta Sgarbi ci era stata segnalata gia nel 2008 e l’avevamo contattata. Allora non è sembrata entusiasta di lavorare qui a Taormina. Poi c’era stato un ulteriore colloquio e ne avevamo discusso con il fratello Vittorio. E’ una valida professionista che rispettiamo ma noi faremo altre strade. La proposta Udc non è fattibile”.

Infine, in queste ore sarebbe tornata in auge la soluzione che porterebbe Laura Delli Colli alla guida del Festival del Cinema. Passalacqua non si sbilancia, però nemmeno smentisce: “Stiamo valutando la situazione, volendo anche precisare che Deborah Young non si è dimessa e la verità è che il suo contratto era già scaduto nel 2011. Anche sul Cinema abbiamo delle proposte di rilievo. Sarà un Festival all’altezza. Già venerdì a Milano daremo il segnale chiaro che Taormina Arte non smobilita, i disfattismi li lasciamo agli altri”.

© Riproduzione Riservata

Commenti