Il quarto episodio in 2 mesi: improvvisi sbriciolamenti e dramma sfiorato. L’incolumità dei cittadini a rischio

l'ennesimo crollo a Palermo

Di questi tempi Santa Rosalia fa gli straordinari. Ancora una volta, Palermo crolla e solo per miracolo nessuno si fa male. Questa mattina alle 9 l’ennesimo cedimento, due balconi di una vecchia palazzina in via Polara.

Un’auto che sostava nei pressi è stata seriamente danneggiata. Carrozzeria, parabrezza, forse anche il motore: i proprietari della vettura non credevano ai propri occhi: “Ero a Palermo per far visita ai miei genitori – dice Francesco Paolo – e ho avuto questa bella sorpresa. Adesso avrò qualche problema a tornare al lavoro a Roma, ma tutto sommato poteva andare peggio”.

Suo padre, infatti, si era appena alzato per prendere l’auto questa mattina, proprio pochi minuti prima del crollo. “Sono stato fortunato, potevo essere travolto anch’io”, dichiara l’uomo, visibilmente scosso dall’accaduto.

I vigili urbani – come riporta Sicilia Informazioni – sono intervenuti sul posto e hanno lavorato fino al primo pomeriggio per mettere in sicurezza la zona. Il vecchio edificio si trova nell’area dei lavori sotterranei della nuova metropolitana di Palermo. Già pochi mesi fa, proprio a pochi metri dalla costruzione i cui balconi sono crollati oggi, altri edifici, fra i quali uno interesse storico, avevano subìto gravi danni strutturali.

Per la quarta volta in poco più di due mesi – l’ultimo episodio di crollo risale a pochi giorni fa – nel capoluogo si sfida la forza di gravità e si scommette sull’incolumità dei cittadini. E’ andata bene anche questa volta, i balconi sono crollati e non hanno provocato nessun danno a persone. Ma la Santuzza che protegge la città e i suoi abitanti un giorno potrebbe anche distrarsi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=M6jefBzEUlE&feature=player_embedded[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti